List

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla tradizione culinaria dei marinai

 

AVE MARIS STELLA

La cucina dei marinai dall’antichità ad oggi e i piatti tipici della cucina marinara nel Cilento

 

In occasione dei festeggiamenti, che si tengono il 24 luglio ad Agropoli, in onore della Madonna di Costantinopoli, protettrice dei pescatori, vengono di seguito presentate molte curiosità ed un piccolo approfondimento circa l’alimentazione dei marinai, in particolare quelli che vivono lungo le coste cilentane.

La cucina marinara è caratterizzata da frugalità, sveltezza e da poca varietà di ingredienti, che di certo, però, non incidono sul gusto delle preparazioni risultanti. I pescatori, stando, spesso, più tempo fuori a pescare, erano costretti a cucinarsi a bordo, usando maggiormente pesci di scoglio ed alici e preferendo, invece, vendere i pesci più prelibati, che ovviamente, erano più redditizi.

Troviamo testimonianze e documenti che ci forniscono delle simpatiche informazioni anche sulla cucina marinara dell’antichità e delle civiltà più antiche. Il termine “rancio” indica proprio il momento di riunione, di convivio tra i marinai a bordo , per condividere il cibo. Se leggiamo una lista di “bordo” del 3000 a.C. la troviamo curiosamente gustosa elencando pesce, carne di montone, formaggio di capra, pane e focaccia, miele, verdure, datteri, fichi e melograni, olio di oliva, vino di datteri, e addirittura birra!

Spostandoci in Egitto, dal Papiro di Harris risultano come cibi preferiti carne secca e oltre trenta tipi diversi di pane e focacce; gli egiziani erano soliti anche salare i pesci prima della consegna a bordo, che come ben sappiamo , è tutt’oggi uno dei modi migliori della conservazione degli alimenti.

Anche nella storia greca vi sono riscontri interessanti: il poeta Archestrato di Gela, nell’“Hedypatheia” (Poema del buongustaio) racconta i suoi lunghi viaggi alla ricerca delle migliori prelibatezze e parla del pane, dei pesci, della selvaggina, della produzione e della conservazione del vino, fino a criticare i cuochi siracusani che “imbrattano” il pesce con “untumi e caci vari” e raccomanda di condirli solo con sale, olio e qualche erbetta odorosa. Indica, inoltre, le specie più rinomate di pesce, come le anguille dello Stretto, le orate di Selinunte, i tonni e il pescespada di Tindari. Un vero cultore del piacere!

I Romani, inoltre, avevano per lo più pesce sotto sale ed il famigerato garum, una salsa fatta di interiora di pesce lasciate macerare per mesi; contando, poi, formaggi, la “maza” (una zuppa di farina, acqua, olio o vino, sale, miele) e il “moretum” (farina, formaggio, aglio, ruta, aceto, olio e uova). Si trovava anche il vino, conservato con spezie e resine. Sui tappi delle anfore veniva addirittura impresso il marchio di spedizione, il tipo di merce e la provenienza.

Giunti al Medioevo si nota un leggero miglioramento della qualità dei pasti a bordo. Pur continuando a mangiare senza posate, sono presenti a bordo molti utensili che arricchiscono le potenzialità delle cucine: calderoni in rame, padelle, casseruole, spiedi, schiumarole, mortai, macine e forni in rame per panificare.

Tra il X e XIII sec si apre la grande fase delle Repubbliche Marinare e nasce anche la figura del ‘fornitore navale’ e dai documenti ritrovati risulta che il proprietario della nave deve garantire ad ogni singolo membro dell’equipaggio almeno 800g di biscotto al giorno.

Cosa mangiavano, invece, nel 1492, i marinai che erano a bordo delle tre caravelle di Colombo, oppure Magellano e i suoi? Dai documenti di viaggio sappiamo che il vino non mancava: 3 mestoli al mattino e 3 alla sera di vino rosso. Le gallette, poi, venivano concesse in razione doppia la domenica. Il martedì, giovedì e domenica si mangiava carne essiccata (cervo o vacca); il lunedì, mercoledì, venerdì e sabato zuppa calda di legumi. La domenica mangiavano anche uva passa, mandorle, fichi secchi e miele. Colombo era particolarmente pretenzioso, ordinando solo per sé cedri canditi, datteri, zucchero rosato e bianco, acqua di rose, zafferano, prosciutto, galline e galli vivi. Magellano, invece, non badava a spese, facendo caricare sulle sue navi circa  8.400 kg di gallette, 2.400 kg di carne fresca e 200 botti di vino.

Insomma, la cucina marinara rappresenta una tradizione che vive da secoli. Ritornando ,però,alla cucina dei pescatori del Cilento , di seguito, vengono presentate varie ricette tipiche narrate da abitanti del posto :

“Alici a maruzzedda” di Acciaroli: aglio ,prezzemolo, formaggio a pezzetti, un pò di sugna; “si liscano le alici, si aprono e si cospargono con aglio, formaggio e prezzemolo; poi si arrotolano a cominciare dalla testa; si pongono l’una a fianco dell’altra in un tegame di terracotta unto di sugna; devono cuocere a fuoco lento”.

“Broro re pisci” di Scario: pesci di scoglio (polpi, scorfani, etc…), cipolla, pomodoro, olio; ” si soffrigge il pesce con olio e cipolle tagliate a fettine; quando il pesce è cotto, toglierlo dal tegame ed aggiungere alcuni pomodori – pochi in modo che il sugo non perda il sapore- ; con questo si condiscono gli spaghetti”.

“Mollecata re cicinielli” di Scario: cicinielli, mollica di pane, pepe, formaggio, limone (o aceto), aglio e olio; ” si sistemano in un tegame i cicinielli, si coprono con tutti gli ingredienti e poi si cuociono al forno, precedentemente scaldato”.

“Pasta cu i purpi” di Acciaroli: 1/2 kg di polpi, olio, 1 lt di salsa; ” si puliscono i polpi e si battono con una canna per farli intenerire e si mettono a cuocere in un tiano (= tegame di terracotta) con tre cucchiai di olio, a fuoco lento, i polpi cacciano la loro acqua e devono bollire fino a quando l’acqua non evapora; allora si aggiunge la salsa; si fa cuocere fino a quando questa non diventa densa. La salsa si usa,poi, per condire gli spaghetti”.

“Alici ca menta e acito” di Acciaroli: 400 gr di alici, 2 spicchi d’aglio, 100 gr di olio, un pizzico di sale, menta , aceto,strutto e acqua; ” si dispongono in un tegame unto di strutto le alici scapate e allineate; si aggiungono gli ingredienti e il tutto si ricopre di aceto ed acqua in parti uguali; la cottura deve essere a fuoco lento e il tegame deve essere ben coperto. Un tempo si cuocevao sotto la cenere e un pò di brace”. (Per tutte le ricette, aa.vv. “Feste Pagane e Feste Cristiane nella tradizone culinaria del Cilento”, Centro di cultura storica cilentana e tradizioni popolari)

Nisia Orsola La Greca Romano

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  Posts

1 2 3
agosto 15th, 2019

Idee & parole – Giovambattista Vico

Vatolla, Vico e la cipolla di Pasquale Martucci Vatolla è situata su una collinetta che domina il paesaggio sottostante e […]

agosto 8th, 2019

Idee & parole – Fabrizio De André

“Per quanto voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti”   L’espressione è tratta da: “Storia di un impiegato”, un […]

agosto 4th, 2019

Bibbiano, dove sta il bene dei bimbi

LETTERA APERTA DEGLI OPERATORI DELL’INFANZIA È stata scritta una lettera/appello da Mauro Mariotti e Paolo Siani. Aderisco pubblicando il documento, […]

luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La festa del Santo Patrono

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla festa del Santo Patrono nella tradizione culinaria del […]

luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La cucina dei marinai

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla tradizione culinaria dei marinai   AVE MARIS STELLA […]

luglio 30th, 2019

Vallo della Lucania – Il rito di San Pantaleo

Il rito di San Pantaleo di Pasquale Martucci   San Pantaleone è festeggiato almeno in due grossi centri del territorio […]

luglio 24th, 2019

Idee & parole – Antonio Gramsci

Il concetto di egemonia culturale e la questione meridionale di Pasquale Martucci   Cent’anni fa, il 1 maggio 1919, iniziò […]

luglio 14th, 2019

Cosmo Guazzo: una vita al servizio del territorio

Presso la Pro-Loco di San Martino Cilento, sabato 13 luglio 2019, per riflettere sui lavori di Cosmo Guazzo si è […]

giugno 26th, 2019

Epistemologia della soggettivazione

Il soggetto/attore, i diritti universali e la società ipermoderna nel pensiero di Alain Touraine di Pasquale Martucci   Assistere ad […]

giugno 9th, 2019

Un antico rituale: la festa del pane

La festa del pane di Pasquale Martucci     La panificazione è stato sempre un momento molto importante nella tradizione […]

giugno 5th, 2019

A proposito di Palazzo Crocco a Licusati

Ho ricevuto da Elena e Pina Crocco un invito a visitare Palazzo Crocco a Licusati (SA) dopo il restauro. Presso […]

maggio 19th, 2019

Contro l’indifferenza, per la conoscenza

Intolleranza, divieti, tentativi di limitazione delle libere espressioni di idee: una sorta di società ad una dimensione, quella prevalente. Tutto […]

maggio 17th, 2019

In memoria di Domenico Chieffallo

Per ricordare lo storico e meridionalista cilentano, produciamo alcune considerazioni e un articolo del 1995 di Domenico Chieffallo.   Note […]

maggio 5th, 2019

Grave perdita per la cultura cilentana

Riceviamo e pubblichiamo un commento / ricordo sulla scomparsa dell’amico Amedeo La Greca, da parte del prof. Emilio La Greca […]

maggio 5th, 2019

Riti e tradizione non solo culinaria del Cilento

Ho con  grande interesse letto gli scritti di NISIA ORSOLA LA GRECA ROMANO sulla tradizione culinaria del Cilento, e non […]

maggio 5th, 2019

Comunità e cultura popolare, linguaggio, cilentanità

Dopo aver realizzato molti studi sul territorio, a partire da questo intervento analizzo gli elementi che ne costituiscono i tratti […]

aprile 15th, 2019

Simboli e Rituali – Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti”

Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti” di Pasquale Martucci   I rituali rappresentano “una connessione tra passato, presente […]

marzo 11th, 2019

DINO BETTI

Un uomo che ha attraversato, vissuto e trasmesso il suo tempo di Anna Avagliano e Pasquale Martucci   Dino Betti […]

febbraio 21st, 2019

Verso un modello postindustriale. La proposta del sociologo Domenico De Masi.

I limiti delle società attuali e le possibilità del “migliore dei mondi esistiti finora”. Occorrerebbe costruire un modello ideale di […]

febbraio 13th, 2019

Ricerca Bibliografica sul Cilento

Progetto: “BENI CULTURALI CNR” Anni 1998-2000 C.P.S. Ricerche S.r.l. / Università di NAPOLI – Facoltà di Sociologia   Tra il […]

febbraio 7th, 2019

LA SCELTA DI RICOCREA

LA SCELTA DI RICOCREA Ricerca, costruzione, creazione, queste sono le parole chiave del sito che ho da qualche mese realizzato: […]

febbraio 1st, 2019

Matera Capitale Europea della Cultura 2019. La visione del sociologo Aldo Musacchio

La visione di Aldo Musacchio: i fondamenti di una cultura per lo sviluppo del territorio di Pasquale Martucci   Per […]

dicembre 25th, 2018

Festa al Castello: cultura e memoria – dicembre 2018

TEGGIANO Festa al Castello: cultura e memoria di Pasquale Martucci   La Corte in Festa – Natale al Castello, Teggiano […]