List

A trent’anni dall’omicidio di

JERRY MASSLO

ancora non abbiamo compreso che …

Ciascuno di noi è straniero di un altro

(Francesca Mannocchi, scrittrice)

 

Trent’anni fa un uomo, fuggito dal suo Paese perché combatteva l’apartheid, fu ucciso da alcuni ladri che irruppero nella sua abitazione di fortuna per rapinare gli immigrati delle poche sostanze che avevano accumulato. Tutto ciò avveniva a Villa Literno, la terra dello sfruttamento degli stranieri nei campi di pomodori: il nome dell’uomo ucciso era Jerry Essan Masslo.

Apparentemente sembrò un delitto come tanti, ma rappresentò la presa di coscienza da parte della popolazione del problema dei rifugiati e dei lavoratori stranieri in Italia. Quella atroce morte diede il via alle grandi manifestazioni antirazziste, all’approvazione di leggi sulla protezione dei rifugiati extraeuropei, al riconoscimento e alla tutela dei diritti dei lavoratori stranieri.

Jerry Masslo fu l’esempio che fece comprendere il fenomeno dell’immigrazione e il difficile cammino verso l’integrazione in Italia. Aveva trent’anni ed era sudafricano, quella parte del mondo che diede i natali a Nelson Mandela. Studiò nelle scuole per “soli neri” e si impegnò nella lotta per i diritti della popolazione “coloured”. Fu costretto a fuggire. Si imbarcò clandestinamente per l’Europa e quando arrivò in Italia, il 21 marzo 1988, fece la domanda d’asilo politico, che fu respinta. Amnesty International lo mise in contatto con l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR). Le autorità italiane, ritenendo che non esistevano “intenti persecutori diretti e personali nei confronti del richiedente”, disposero il rilascio di Jerry Masslo: poteva rimanere in Italia ma senza alcuno status giuridico definito. Fece allora domanda di espatrio per il Canada, per ricongiungersi con la moglie e i figli. Nell’attesa, incominciò ad imparare la lingua italiana e a svolgere piccoli lavori occasionali. L’estate successiva andò a Villa Literno, per raccogliere i pomodori. Si accorse che le condizioni di lavoro erano durissime. Il territorio viveva di agricoltura, ma il controllo di tutte le attività economiche era del clan dei casalesi. Gli italiani non erano disponibili a svolgere un lavoro scarsamente retribuito ed allora la manodopera era prevalentemente formata da immigrati irregolari. I caporali controllavano il lavoro, che durava anche quindici ore al giorno e veniva pagato a cassette (circa mille lire per una cassetta di venticinque chili). Gli alloggi erano ruderi di casolari di campagna, senza luce e servizi igienici.

Nell’estate del 1988, Jerry Masslo rimase due mesi a Villa Literno. Quando finì la stagione del pomodoro, ritornò a Roma presso la struttura di accoglienza: la “Tenda di Abramo”, in attesa del visto per il Canada. L’estate successiva fece ritornò a Villa Literno per lavorare di nuovo alla raccolta del pomodoro. La situazione che trovò era diversa e peggiorata: nelle baracche dove dormivano gli immigrati stava maturando una maggiore consapevolezza delle condizioni di sfruttamento che subivano. Si interpellarono i sindacati, ma era difficile ribellarsi a quello stato di cose. Cominciarono a moltiplicarsi episodi di intolleranza nei confronti degli stranieri, che non potevano muoversi liberamente per paura di imbattersi in alcuni gruppi organizzati. “E’ aperta la caccia al nero!”, fu trovato scritto su un volantino.

La situazione lavorativa a Villa Literno incominciò a destare l’attenzione dei media italiani, che intervistarono anche Jerry Masslo.

La notte tra il 24 e il 25 agosto 1989, un gruppo di persone con i volti coperti fece irruzione con armi e spranghe nella baracca in cui Jerry dormiva con altri ventotto immigrati, chiedendo che venissero consegnati tutti i soldi accumulati. Alcuni lo fecero, altri si rifiutarono. La situazione precipitò: uno dei rapinatori sparò tre colpi di pistola, Masslo, colpito, morì prima di essere soccorso; un altro suo connazionale, miracolosamente, si salvò.

La Cgil chiese i funerali di Stato, che si tennero il 28 agosto 1989 alla presenza delle istituzioni. Ai funerali accorsero le televisioni di tutta Italia per riprendere l’evento.

Il Tg2 trasmise l’intervista rilasciata da Jerry Masslo alcuni  giorni prima:

Pensavo di trovare in Italia uno spazio di vita, una ventata di civiltà, un’accoglienza che mi permettesse di vivere in pace e di coltivare il sogno di un domani senza barriere né pregiudizi. Invece sono deluso. Avere la pelle nera in questo paese è un limite alla convivenza civile. Il razzismo è anche qui: è fatto di prepotenze, di soprusi, di violenze quotidiane con chi non chiede altro che solidarietà e rispetto. Noi del terzo mondo stiamo contribuendo allo sviluppo del vostro paese, ma sembra che ciò non abbia alcun peso. Prima o poi qualcuno di noi verrà ammazzato ed allora ci si accorgerà che esistiamo”.

La morte di Jerry Masslo ebbe un grande risalto. Nei giorni successivi intervennero l’ONU, il papa Giovanni Paolo II, il presidente della Repubblica Francesco Cossiga, il mondo politico e le associazioni produttive e sindacali italiane. Il 20 settembre 1989 a Villa Literno si tenne il primo sciopero degli immigrati contro il caporalato al servizio della camorra. Il 7 ottobre 1989 a Roma si svolse la prima grande manifestazione nazionale contro il razzismo, con alla testa uno striscione che ricordava il profugo politico sudafricano. Nel febbraio del 1990 entrò in vigore la legge Martelli, primo tentativo di affrontare i temi dell’immigrazione in un Paese che scopriva la presenza degli stranieri, che richiedevano la possibilità di migliorare le proprie condizioni di vita.

Nell’estate del 1990 venne realizzato a Villa Literno, il “Villaggio della Solidarietà”: si trattò di una grande tendopoli dotata di servizi per gli immigrati, intitolata a Jerry Masslo e allestita grazie al solo impegno volontario di giovani provenienti da tutta Italia.

Nonostante alcuni passi avanti, ancora oggi, come afferma Aboubakar Soumahoro, il dirigente sindacale italo-ivoriano che si batte per i diritti degli sfruttati, non è ancora del tutto chiara “una visione umana di società capace di incanalare le aspirazioni, i sogni e i desideri delle persone, soprattutto in questo contesto di smarrimento di valori culturali radicati nell’umanità”.

Sperando in un futuro cambiamento:

Scioscie viento puortame ‘a forza pe’ guarda’ annanze
quanno cagnarrà
juorne venarrà chesto ‘o ssaccio già
sciosce viento puortame ‘a forza pe’ guarda’ annanze
quanno cagnarrà
si cagnarrà si cagnarrà
”.

Sono alcuni versi degli Almamegretta, tratti dal brano: “Scioscia viento”, Album “Sanacore”, che uscì nel 1995, dedicato alla tragica vicenda di Jerry Masslo.

 

Pasquale Martucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Posts

1 2 3 4
novembre 11th, 2019

Storia e tradizioni – San Martino

“A San Martino se fano i zeppule e se prova u’ vino” Tradizioni culinarie cilentane nell’estate di San Martino   […]

novembre 10th, 2019

Muri da abbattere

Trent’anni fa veniva abbattuto il Muro di Berlino, anche se ancora oggi sono tanti i muri simbolici e fisici che […]

ottobre 31st, 2019

Natuzza Evolo / tra vita e aldilà

Dieci anni fa si spegneva Natuzza Evolo, una donna che ha rappresentato, nella cultura popolare religiosa, un forte legame tra […]

ottobre 28th, 2019

Territorio&Cultura – la poesia

Concorsi di poesia di Gaeta (LT) e di Auletta (SA)

ottobre 20th, 2019

Memorie dal territorio – Fiore!

Ricevo e pubblico due brani di Antonio Pellegrino. Nella foto c’è Gerry il pastore, chiamato anche Fiore.   Fiore! Sempi […]

ottobre 7th, 2019

Memorie dal territorio – E’ cangiata l’aria

Con questo intervento, una riflessione sul cambiamento dei tempi, inizia la collaborazione di Antonio Pellegrino (laurea in Sociologia), attuale Presidente […]

ottobre 6th, 2019

Idee & parole – Ernesto de Martino

Il mondo magico di Ernesto de Martino di Pasquale Martucci “Presenza, esserci nel mondo, esserci nella storia sono espressioni equivalenti […]

settembre 25th, 2019

Idee & parole – I saperi di Dionigi

Nella criticità della vita di oggi, occorre che l’individuo ripensi un “nuovo umanesimo” che tenga conto della storia e della […]

settembre 20th, 2019

Storia e tradizioni – Il giorno delle antiche nozze

Ricevo e pubblico l’articolo di Nisia Orsola La Greca Romano sul rito nuziale   Da sempre le nozze rappresentano un […]

settembre 15th, 2019

Idee & parole – Socrate

Nella nostra società si avverte il bisogno di tornare a valorizzare le molteplici forme del dialogo, così come indicato da […]

agosto 25th, 2019

Le storie – Jerry Essan Masslo

A trent’anni dall’omicidio di JERRY MASSLO ancora non abbiamo compreso che … “Ciascuno di noi è straniero di un altro” […]

agosto 15th, 2019

Idee & parole – Giovambattista Vico

Vatolla, Vico e la cipolla di Pasquale Martucci Vatolla è situata su una collinetta che domina il paesaggio sottostante e […]

agosto 8th, 2019

Idee & parole – Fabrizio De André

“Per quanto voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti”   L’espressione è tratta da: “Storia di un impiegato”, un […]

agosto 4th, 2019

Bibbiano, dove sta il bene dei bimbi

LETTERA APERTA DEGLI OPERATORI DELL’INFANZIA È stata scritta una lettera/appello da Mauro Mariotti e Paolo Siani. Aderisco pubblicando il documento, […]

luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La festa del Santo Patrono

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla festa del Santo Patrono nella tradizione culinaria del […]

luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La cucina dei marinai

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla tradizione culinaria dei marinai   AVE MARIS STELLA […]

luglio 30th, 2019

Vallo della Lucania – Il rito di San Pantaleo

Il rito di San Pantaleo di Pasquale Martucci   San Pantaleone è festeggiato almeno in due grossi centri del territorio […]

luglio 24th, 2019

Idee & parole – Antonio Gramsci

Il concetto di egemonia culturale e la questione meridionale di Pasquale Martucci   Cent’anni fa, il 1 maggio 1919, iniziò […]

luglio 14th, 2019

Cosmo Guazzo: una vita al servizio del territorio

Presso la Pro-Loco di San Martino Cilento, sabato 13 luglio 2019, per riflettere sui lavori di Cosmo Guazzo si è […]

giugno 26th, 2019

Epistemologia della soggettivazione

Il soggetto/attore, i diritti universali e la società ipermoderna nel pensiero di Alain Touraine di Pasquale Martucci   Assistere ad […]

giugno 9th, 2019

Un antico rituale: la festa del pane

La festa del pane di Pasquale Martucci     La panificazione è stato sempre un momento molto importante nella tradizione […]

maggio 19th, 2019

Contro l’indifferenza, per la conoscenza

Intolleranza, divieti, tentativi di limitazione delle libere espressioni di idee: una sorta di società ad una dimensione, quella prevalente. Tutto […]

maggio 17th, 2019

In memoria di Domenico Chieffallo

Per ricordare lo storico e meridionalista cilentano, produciamo alcune considerazioni e un articolo del 1995 di Domenico Chieffallo.   Note […]

maggio 5th, 2019

Grave perdita per la cultura cilentana

Riceviamo e pubblichiamo un commento / ricordo sulla scomparsa dell’amico Amedeo La Greca, da parte del prof. Emilio La Greca […]

maggio 5th, 2019

Riti e tradizione non solo culinaria del Cilento

Ho con  grande interesse letto gli scritti di NISIA ORSOLA LA GRECA ROMANO sulla tradizione culinaria del Cilento, e non […]

maggio 5th, 2019

Comunità e cultura popolare, linguaggio, cilentanità

Dopo aver realizzato molti studi sul territorio, a partire da questo intervento analizzo gli elementi che ne costituiscono i tratti […]

aprile 15th, 2019

Simboli e Rituali – Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti”

Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti” di Pasquale Martucci   I rituali rappresentano “una connessione tra passato, presente […]

marzo 11th, 2019

DINO BETTI

Un uomo che ha attraversato, vissuto e trasmesso il suo tempo di Anna Avagliano e Pasquale Martucci   Dino Betti […]

febbraio 21st, 2019

Verso un modello postindustriale. La proposta del sociologo Domenico De Masi.

I limiti delle società attuali e le possibilità del “migliore dei mondi esistiti finora”. Occorrerebbe costruire un modello ideale di […]

febbraio 13th, 2019

Ricerca Bibliografica sul Cilento

Progetto: “BENI CULTURALI CNR” Anni 1998-2000 C.P.S. Ricerche S.r.l. / Università di NAPOLI – Facoltà di Sociologia   Tra il […]

febbraio 7th, 2019

LA SCELTA DI RICOCREA

LA SCELTA DI RICOCREA Ricerca, costruzione, creazione, queste sono le parole chiave del sito che ho da qualche mese realizzato: […]

febbraio 1st, 2019

Matera Capitale Europea della Cultura 2019. La visione del sociologo Aldo Musacchio

La visione di Aldo Musacchio: i fondamenti di una cultura per lo sviluppo del territorio di Pasquale Martucci   Per […]

dicembre 25th, 2018

Festa al Castello: cultura e memoria – dicembre 2018

TEGGIANO Festa al Castello: cultura e memoria di Pasquale Martucci   La Corte in Festa – Natale al Castello, Teggiano […]