List

Trent’anni fa veniva abbattuto il Muro di Berlino, anche se ancora oggi sono tanti i muri simbolici e fisici che limitano gli orizzonti di vita e fanno sviluppare odio e violenza.

 

Il 9 novembre 2019, presso il palazzo presidenziale della capitale tedesca Berlino, sono giunti i presidenti di quello che un tempo fu il blocco comunista: Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia per celebrare, con giustificato entusiasmo e discorsi commemorativi, il trentennale del crollo del celebre Muro. Questa ricorrenza ha visto affluire nella capitale decine di migliaia di persone, per ricordare una notte storica, il 9 novembre del 1989, quando si realizzò la fine della divisione dei due blocchi, la riunificazione di una nazione che da tempo avvertiva l’esigenza di abbandonare quella disumana ed ingiusta barriera. Già quella tendenza si era manifestata, attraverso continue fughe, ricongiungimenti, tentativi di oltrepassare un limite violato a rischio della vita.

Quella notte cominciò poco prima delle diciannove, con la conferenza stampa del portavoce del governo della DDR, che dava l’annuncio della possibilità di oltrepassare il Muro di Berlino senza controlli. Furono migliaia i berlinesi che si diressero verso i posti di frontiera fra le due parti della città: le guardie e gli agenti di polizia per la prima volta furono esonerati dall’ordine di sparare. Per tutta la notte ci fu festa: i tedeschi si abbracciarono nel segno della libertà, incontrando molti parenti ed amici che non vedevano da decenni.

Le immagini però più impresse nelle menti furono da un lato i ragazzi che si arrampicano sul Muro tirandosi su a vicenda; dall’altro il piccone e i martelli che abbattevano la barriera. In tre giorni, due milioni di persone passarono il confine e segnarono la fine di un mondo diviso.

Il muro in genere si presenta in accezione difensiva, per isolarsi e proteggersi. Ma esso è anche separazione, ed in quanto tale simbolo di durezza e insensibilità, indifferenza e incomprensione. In questa accezione, il Muro di Berlino, in quanto divisivo, è inteso come “muro della vergogna”, simbolo di esasperata ostilità.

Il Muro, che circondava Berlino Ovest, ha separato in due la città per ventotto anni, dal 13 agosto del 1961 fino al 9 novembre 1989. Nel 1945, prima della fine della Seconda Guerra Mondiale, la “Conferenza di Jalta” decise la divisione di Berlino in quattro settori controllati e amministrati da Unione Sovietica, Stati Uniti d’America, Regno Unito e Francia. Nel 1949, i tre settori controllati da Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna divennero la parte occidentale della Germania. I cittadini potevano inizialmente circolare indisturbati grazie ad accordi ed iniziative diplomatiche, nonostante nel 1952 venne chiuso il confine tra Germania Est ed Ovest. Tra il 1949 e il 1961, oltre due milioni e mezzo di tedeschi dell’Est passarono dall’altra parte. Per fermare l’esodo delle persone, il regime comunista iniziò la costruzione di un muro attorno ai tre settori occidentali, nella notte tra il 12 e il 13 agosto 1961, che circondò completamente Berlino Ovest. Fu subito chiaro che si voleva impedire la fuga in massa di professionisti e lavoratori specializzati. Nel giugno 1962, tra le due Berlino la frontiera fu ulteriormente fortificata militarmente da un altro muro di cemento armato: fu così eretta la “striscia della morte”, larga alcune decine di metri. Nel 1965 e poi nel 1975 il muro fu rinforzato e reso sempre più invalicabile: dal 1961 ci furono cinquemila tentativi di fuga coronati dal successo, ma anche più di duecento cittadini uccisi nel tentativo di fuga.

Il Muro era lungo più di 155 km, composto da lastre di cemento armato collegate da montanti di acciaio e coperti da un tubo di cemento, alto 3,6 metri. A partire dal 1975, il confine era anche protetto da recinzioni: un fossato anticarro di oltre cento chilometri; 302 torri di guardia con cechini armati; venti bunker e una strada illuminata per il pattugliamento lunga 177 chilometri. Se inizialmente erano disponibili alcuni punti di attraversamento del Muro, con il passare degli anni la Porta di Brandeburgo simbolicamente fu definitivamente chiusa.

Finalmente il 9 novembre 1989, il governo della Germania Est annunciò che le visite in Germania occidentale sarebbero state permesse: dopo questo annuncio molti cittadini si arrampicarono sul muro e lo superarono per raggiungere i fratelli dalla parte opposta. Durante le settimane successive piccole parti del muro furono demolite e portate via dalla folla come souvenir; in seguito fu usata attrezzatura industriale per abbattere quello che era rimasto. Si aprì la strada alla riunificazione tedesca che formalmente si concluse il 3 ottobre 1990.

Il Muro di Berlino è il simbolo più rilevante delle divisioni: allora erano quelle tra due blocchi che intendevano spartirsi i destini del mondo. Eppure successivamente, anche quando si è immaginato l’affermazione della democrazia come principio determinante per le sorti del pianeta, si sono eretti altri e più drammatici muri. Quelli dell’incomprensione e quelli dell’odio verso gli altri, coloro che venivano nel nostro mondo per sfuggire alla fame, alle guerre, ai soprusi ed aberrazioni: gli immigrati.

E quei muri sono prima stati simbolici, poi sempre più visibili: sebbene non ci sono numeri certi, pare che siano circa ottanta le barriere al mondo, per dividere etnie, gruppi religiosi o per ragioni di sicurezza.

Per offrire qualche esempio a noi più vicino, si può pensare alle barriere delle città di Ceuta e Melilla che dividono la Spagna dal Marocco; quelle che separano la Turchia dalla Grecia e dalla Bulgaria. Altri muri di protezione dei confini si trovano fra Ungheria, Serbia e Croazia per fermare la rotta balcanica dei migranti. Un altro punto di divisione è Calais, in Francia, dove si cerca di raggiungere l’Inghilterra. A est, invece, Lituania, Lettonia ed Estonia hanno innalzando barriere sul confine con la Russia sempre a scopo protettivo. Poi sono da citare i muri separatori in Irlanda del Nord nelle città di Belfast e Derry.

Si tratta dunque di un andamento contrario a ciò che si penserebbe nell’era della globalizzazione e dell’accorciamento delle distanze, delle comunicazioni e dei mercati raggiungibili con la tecnologia. In un’epoca che dovrebbe essere senza barriere, si riscontra la costruzione fisica di simboli di separazione. Il pretesto è di realizzare una protezione e una sicurezza per i cittadini, la realtà è l’allontanamento dei diritti e delle libertà degli uomini.

Il mondo dei muri, anziché essere strumenti per dare risposte ai problemi più urgenti, causa il rischio dell’isolamento, della chiusura, della limitazione degli orizzonti di vita: tutto ciò si traduce in una sempre maggiore violenza, figlia della frustrazione e della paura, spesso alimentata volontariamente dalla stessa politica.

 

Pasquale Martucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Posts

1 2 3 4
novembre 11th, 2019

Storia e tradizioni – San Martino

“A San Martino se fano i zeppule e se prova u’ vino” Tradizioni culinarie cilentane nell’estate di San Martino   […]

novembre 10th, 2019

Muri da abbattere

Trent’anni fa veniva abbattuto il Muro di Berlino, anche se ancora oggi sono tanti i muri simbolici e fisici che […]

ottobre 31st, 2019

Natuzza Evolo / tra vita e aldilà

Dieci anni fa si spegneva Natuzza Evolo, una donna che ha rappresentato, nella cultura popolare religiosa, un forte legame tra […]

ottobre 28th, 2019

Territorio&Cultura – la poesia

Concorsi di poesia di Gaeta (LT) e di Auletta (SA)

ottobre 20th, 2019

Memorie dal territorio – Fiore!

Ricevo e pubblico due brani di Antonio Pellegrino. Nella foto c’è Gerry il pastore, chiamato anche Fiore.   Fiore! Sempi […]

ottobre 7th, 2019

Memorie dal territorio – E’ cangiata l’aria

Con questo intervento, una riflessione sul cambiamento dei tempi, inizia la collaborazione di Antonio Pellegrino (laurea in Sociologia), attuale Presidente […]

ottobre 6th, 2019

Idee & parole – Ernesto de Martino

Il mondo magico di Ernesto de Martino di Pasquale Martucci “Presenza, esserci nel mondo, esserci nella storia sono espressioni equivalenti […]

settembre 25th, 2019

Idee & parole – I saperi di Dionigi

Nella criticità della vita di oggi, occorre che l’individuo ripensi un “nuovo umanesimo” che tenga conto della storia e della […]

settembre 20th, 2019

Storia e tradizioni – Il giorno delle antiche nozze

Ricevo e pubblico l’articolo di Nisia Orsola La Greca Romano sul rito nuziale   Da sempre le nozze rappresentano un […]

settembre 15th, 2019

Idee & parole – Socrate

Nella nostra società si avverte il bisogno di tornare a valorizzare le molteplici forme del dialogo, così come indicato da […]

agosto 25th, 2019

Le storie – Jerry Essan Masslo

A trent’anni dall’omicidio di JERRY MASSLO ancora non abbiamo compreso che … “Ciascuno di noi è straniero di un altro” […]

agosto 15th, 2019

Idee & parole – Giovambattista Vico

Vatolla, Vico e la cipolla di Pasquale Martucci Vatolla è situata su una collinetta che domina il paesaggio sottostante e […]

agosto 8th, 2019

Idee & parole – Fabrizio De André

“Per quanto voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti”   L’espressione è tratta da: “Storia di un impiegato”, un […]

agosto 4th, 2019

Bibbiano, dove sta il bene dei bimbi

LETTERA APERTA DEGLI OPERATORI DELL’INFANZIA È stata scritta una lettera/appello da Mauro Mariotti e Paolo Siani. Aderisco pubblicando il documento, […]

luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La festa del Santo Patrono

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla festa del Santo Patrono nella tradizione culinaria del […]

luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La cucina dei marinai

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla tradizione culinaria dei marinai   AVE MARIS STELLA […]

luglio 30th, 2019

Vallo della Lucania – Il rito di San Pantaleo

Il rito di San Pantaleo di Pasquale Martucci   San Pantaleone è festeggiato almeno in due grossi centri del territorio […]

luglio 24th, 2019

Idee & parole – Antonio Gramsci

Il concetto di egemonia culturale e la questione meridionale di Pasquale Martucci   Cent’anni fa, il 1 maggio 1919, iniziò […]

luglio 14th, 2019

Cosmo Guazzo: una vita al servizio del territorio

Presso la Pro-Loco di San Martino Cilento, sabato 13 luglio 2019, per riflettere sui lavori di Cosmo Guazzo si è […]

giugno 26th, 2019

Epistemologia della soggettivazione

Il soggetto/attore, i diritti universali e la società ipermoderna nel pensiero di Alain Touraine di Pasquale Martucci   Assistere ad […]

giugno 9th, 2019

Un antico rituale: la festa del pane

La festa del pane di Pasquale Martucci     La panificazione è stato sempre un momento molto importante nella tradizione […]

maggio 19th, 2019

Contro l’indifferenza, per la conoscenza

Intolleranza, divieti, tentativi di limitazione delle libere espressioni di idee: una sorta di società ad una dimensione, quella prevalente. Tutto […]

maggio 17th, 2019

In memoria di Domenico Chieffallo

Per ricordare lo storico e meridionalista cilentano, produciamo alcune considerazioni e un articolo del 1995 di Domenico Chieffallo.   Note […]

maggio 5th, 2019

Grave perdita per la cultura cilentana

Riceviamo e pubblichiamo un commento / ricordo sulla scomparsa dell’amico Amedeo La Greca, da parte del prof. Emilio La Greca […]

maggio 5th, 2019

Riti e tradizione non solo culinaria del Cilento

Ho con  grande interesse letto gli scritti di NISIA ORSOLA LA GRECA ROMANO sulla tradizione culinaria del Cilento, e non […]

maggio 5th, 2019

Comunità e cultura popolare, linguaggio, cilentanità

Dopo aver realizzato molti studi sul territorio, a partire da questo intervento analizzo gli elementi che ne costituiscono i tratti […]

aprile 15th, 2019

Simboli e Rituali – Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti”

Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti” di Pasquale Martucci   I rituali rappresentano “una connessione tra passato, presente […]

marzo 11th, 2019

DINO BETTI

Un uomo che ha attraversato, vissuto e trasmesso il suo tempo di Anna Avagliano e Pasquale Martucci   Dino Betti […]

febbraio 21st, 2019

Verso un modello postindustriale. La proposta del sociologo Domenico De Masi.

I limiti delle società attuali e le possibilità del “migliore dei mondi esistiti finora”. Occorrerebbe costruire un modello ideale di […]

febbraio 13th, 2019

Ricerca Bibliografica sul Cilento

Progetto: “BENI CULTURALI CNR” Anni 1998-2000 C.P.S. Ricerche S.r.l. / Università di NAPOLI – Facoltà di Sociologia   Tra il […]

febbraio 7th, 2019

LA SCELTA DI RICOCREA

LA SCELTA DI RICOCREA Ricerca, costruzione, creazione, queste sono le parole chiave del sito che ho da qualche mese realizzato: […]

febbraio 1st, 2019

Matera Capitale Europea della Cultura 2019. La visione del sociologo Aldo Musacchio

La visione di Aldo Musacchio: i fondamenti di una cultura per lo sviluppo del territorio di Pasquale Martucci   Per […]

dicembre 25th, 2018

Festa al Castello: cultura e memoria – dicembre 2018

TEGGIANO Festa al Castello: cultura e memoria di Pasquale Martucci   La Corte in Festa – Natale al Castello, Teggiano […]