List

Salerno longobarda

di Pasquale Martucci

 

Nell’anno 849, millecentosettanta anni fa, Salerno divenne uno dei due principati longobardi del sud; l’altro era Benevento. Fu uno dei momenti più importanti della storia di questa città.

Sebbene il suo territorio fosse abitato fin dalla preistoria, è intorno al VI secolo a.C. che si hanno le prime testimonianze di un insediamento etrusco nei pressi del fiume Irno; nel V secolo a.C., la città fu occupata progressivamente dai sanniti ed entrò nella sfera commerciale delle città greche. In epoca romana, le condizioni non furono molto favorevoli; poi giunsero i Bizantini e Salerno restò sotto il loro controllo fino al VI secolo d.C.. Dopo una lunga lotta tra Bizantini e Longobardi, nel 646 la città cadde in mano a questi ultimi: faceva parte del Ducato di Benevento, era il capoluogo di un vasto gastaldato (distretto amministrativo), i cui confini raggiungevano a sud il fiume Sele, e conobbe un periodo di grande ricchezza durato più di cinque secoli.

Il ducato beneventano era geograficamente distante dal potere centrale di Pavia e aveva una grande autonomia, ad eccezione di interventi del re quando si verificavano episodi di ribellione al potere costituito. E ciò si concretizzò quando il figlio di Gisulfo II si sottomise ai franchi: il re Desiderio fu costretto ad intervenire e a nominare duca Arechi II, suo parente. Era l’anno 758.

Con la conquista di Pavia da parte dei Franchi, il duca beneventano si accreditò in chiave anticarolingia come legittimo erede della tradizione longobarda. Nel 774, Carlo Magno sconfisse Desiderio e sottomise la Longobardia, ad eccezione proprio del ducato di Benevento; Spoleto diventerà territorio del Papato. Arechi si autoproclamò principe di Benevento, per sottolineare come egli era divenuto il “primo” della sua gente: avrebbe continuato ad avere autonomia pur versando tributi ai Franchi. I suoi successori esercitarono lo stesso potere e mantennero il titolo di principi.

Arechi fu ricco e potente: curò le cerimonie di corte; edificò chiese e monasteri; ospitò letterati ed uomini di cultura; ampliò Salerno verso sud e costruì un palazzo e la chiesa di Santa Sofia. Il suo intento era strategico: da un lato intendeva contenere il predominio napoletano, dall’altro voleva affermare l’autonomia e l’indipendenza del suo dominio. La città, destinata ad avere un ruolo centrale, fu dotata di una nuova cinta muraria e vide l’edificazione di numerose opere, tra cui la sontuosa reggia, della quale rimangono tracce nel centro storico, un edificio a cui si affiancava la Cappella Palatina (chiesa di san Pietro a Corte).

Salerno doveva diventare il centro in cui confluivano i traffici commerciali attraverso la via Annia, che collegava Capua a Reggio. Arechi trasformò un piccolo “castrum” in una sede principesca anche se la capitale del principato rimarrà Benevento. Salerno non fu solamente una residenza del principe ma l’intenzione era quella di trasformarla in una civitas con i caratteri e la dignità di una vera e propria capitale. I suoi successori, in particolare Sicone, condussero spedizioni contro Napoli nell’831. Sicardo combatté Napoli, occupò Stabia  e Torre e conquistò Amalfi, una città famosa per i suoi rilevanti commerci marittimi. Il duca di Napoli chiese l’intervento dei Saraceni ed indusse Sicardo alla pace nell’836.

Nell’849, il Principato di Salerno divenne indipendente da Benevento, acquisendo i territori del Principato di Capua, la Calabria settentrionale e la Puglia fino a Taranto. In precedenza, nell’839, con la morte di Sicardo, Radelchi si proclamò principe ed esiliò i membri dell’aristocrazia beneventana. Dauferio venne a Salerno, che diventò la sede di una cospirazione volta a deporre Radelchi, e propose ai nobili locali la liberazione di Siconolfo, fratello di Sicardo, per proclamarlo principe. Questa decisione causò l’inevitabile guerra civile, che si protrasse per un decennio. Siconolfo sposò la sorella di Guido, il duca di Spoleto, potente personaggio legato al regno carolingio d’Italia, che favorì l’intervento del principe dei Franchi Ludovico. Nell’849, quest’ultimo pose fine al conflitto imponendo la divisione del principato in due parti: Benevento sotto la sovranità di Radelchi e Salerno di Siconolfo. Il trattato sancì il riconoscimento della creazione dei due territori, ma di fatto riguardava una concessio di Radelchi in favore del principe di Salerno. L’oggetto della concessione era la pace su tutto il territorio del ducato, in ogni gastaldato e distretto. La potestà di Siconolfo e dei suoi successori non sarebbe stata ostacolata e di fatto Salerno avrebbe avuto le stesse prerogative istituzionali di Benevento. Le clausole giuridiche riguardavano i gastaldati, le chiese e i monasteri, le proprietà in genere. Importante era l’intesa sull’alleanza e sul reciproco soccorso in caso di attacchi saraceni.

Il territorio longobardo era suddiviso in aree più ristrette, dette gastaldati o contee, per una migliore gestione del potere. Ognuno di questi distretti era amministrato autonomamente da un funzionario, il gastaldo, il cui potere derivava direttamente dalla nomina del duca/principe: il ceto sociale di provenienza di questi ufficiali era quello dell’aristocrazia e delle famiglie signorili longobarde, che da tempo erano radicate nel territorio e che avevano saputo ritagliarsi un proprio spazio di autorità e influenza agli occhi della popolazione locale.

Due erano le aree geografiche che formavano il principato di Salerno: la prima sotto la sua diretta dipendenza, ovvero le fasce territoriali che si sviluppano intorno alla città prevalentemente verso sud-est, il salernitano e parte del Cilento, includendo la Lucania e la Calabria settentrionale cosentina; la seconda, invece, contava Capua, la piana del Volturno e la vallata del Garigliano ed era territorialmente più ampia, anche se più difficile da controllare.

Con la nuova dignità di capitale, Salerno si trasformò nella sede, unica e permanente, di un potere sovrano il cui fulcro era il palazzo; vide una rapida crescita, protetta dalle città campane settentrionali e proiettata verso i territori italo-greci, con i quali aprì i rapporti commerciali, conquistando un’importanza politica, oltre che economica, sempre maggiore.

L’economia dell’epoca era essenzialmente agricola. Il clima, oltre ad essere tipicamente mite, per la maggiore estensione delle selve era più umido. I terreni erano vergini e fruttavano molto, anche se la mancanza di concimi e l’assenza dell’avvicendamento delle colture provocavano non pochi problemi, in una agricoltura di tipo estensivo. Si coltivavano cereali, ortaggi e legumi; molta importanza aveva anche la produzione di foraggi, coltivati per gli animali da stalla; pascoli e prati erano centrali nell’economia agricola del tempo, per l’allevamento di animali piccoli, quali pecore, capre e suini. Gli equini erano più numerosi dei bovini, perché usati come mezzo di trasporto e per le guerre. Grande era l’abbondanza di piante arboree, di cui alcune sorgevano spontaneamente nei boschi, come i castagni. La vite era diffusa anche se la sua coltivazione richiedeva l’anticipazione di capitali e un lavoro molto scrupoloso; l’olivo, invece, prima dell’anno mille, era coltivato di rado. Allora venivano stipulati contratti, definiti “ad pastinandum”, che non prevedevano inizialmente il pagamento del censo per l’affittuario; in seguito si divideva o il prodotto a metà, oppure il terreno.

Nell’XI secolo la città raggiunse il massimo dello splendore e della ricchezza. L’artefice fu sicuramente il principe di Salerno Guaimario IV, che attuò una politica di espansione in tutto il Mezzogiorno con l’aiuto di contingenti Normanni. Nel 1032 occupò Sorrento annettendone il ducato, nel 1037 il Principato di Capua e il Ducato di Gaeta e nel 1039 occupò Amalfi. Guaimario governava anche sul Ducato di Puglia e di Calabria. L’unica città esclusa fu Napoli.

Salerno era la capitale di un vastissimo territorio, che le permise di raggiungere una ricchezza mai conosciuta nei secoli precedenti; inoltre per la prima volta affermò definitivamente la sua vocazione marinara. Il principato tuttavia era scosso dalle continue incursioni dei Saraceni e da lotte nei confronti delle potenze limitrofe, che di volta in volta chiedevano aiuto alla nuova potenza normanna che si affacciava nel territorio. Quando nel 1052 Guaimario venne assassinato, gli succedette il figlio Gisulfo II, che ingaggiò più di una contesa con i Normanni. Fu Roberto il Guiscardo della famiglia d’Altavilla a sposare prima Sichelgaita, la sorella di Gisulfo, e poi ad espugnare la città e a porre fine al potere longobardo. La città acquistò nuova vitalità con i nuovi padroni: venne costruita una nuova reggia, Castel Terracena, ed il Duomo in stile arabo-normanno, dedicato all’Apostolo Matteo, di cui si conservano ancora le reliquie nella cripta.

Il merito dei principi longobardi fu di avviare lo sviluppo economico e sociale della città, anche se Salerno aveva condizioni naturali tali da poter favorire il suo popolamento ed incrementare la sua economia ed il suo commercio. La città, unico porto importante del ducato longobardo, era dotata di vaste e fertili campagne circostanti, naturale mercato dei prodotti; si trovava inoltre in una posizione geografica importante, nel centro del bacino del Mediterraneo, e pertanto felice, sia per il commercio interno che per quello estero. Oltre a questi vantaggi naturali, il suo sviluppo fu dovuto alle relazioni con l’Occidente bizantino, con i Musulmani, con Amalfi, ovvero la città che contribuì ad insegnare le tecniche commerciali di cui i Longobardi erano completamente digiuni.

Salerno attrasse soprattutto i mercanti forestieri che si recavano entro le sue mura per acquistare i suoi prodotti agricoli; poi la Scuola Medica, la cui fondazione risale al IX secolo e rappresenta la prima istituzione medica dell’Europa cristiana, e la presenza delle reliquie di S. Matteo contribuirono a rendere sempre più importante questa città.

Concludo con le parole di Antonella Sparano:

l’intrecciarsi di varie influenze, come quelle arabe e bizantine principalmente, creò una pienezza di vita civile e morale (…) che ci appare tanto più meravigliosa quanto più isolata nella rude vita feudale del tempo. In seguito, con la conquista normanna, Salerno fu a capo del più vasto potentato dell’Italia meridionale e poté apparire più ricca di agiatezza, solo perché poggiò sulle solide basi gettate dai principi longobardi.

 

Riferimenti bibliografici:

  1. P. Cantalupo, “Dalle invasioni barbariche alla guerra del vespro”, in P. Cantalupo, A. La Greca, “Storie delle terre del Cilento Antico”, Ed. C.P.C., 1989.
  1. I. Gay, “L’Italia meridionale e l’Impero Bizantino dall’avvento di Basilio I alla resa di Bari ai Normanni (867-1071)”, Firenze 1917.
  2. G. Racioppi, “Storia dei popoli della Lucania e della Basilicata”, 2 voll., Roma, Loescher, 1889.
  3. M. Schipa: “Storia del Principato longobardo di Salerno”, in Archivio storico napoletano, XII fascicolo I – 1887. Ora in F. Hirsch, M. Schipa, “La Longobardia meridionale (570-1077)”, a cura di N. Acocella, Roma, Edizioni di storia e letteratura, 1968.
  4. A. Sparano, “Agricoltura, industria e commercio in Salerno longobarda”, Annali Facoltà Lettere e Filosofia, Istituto Editoriale del Mezzogiorno, Napoli vol. X – 1962-1963.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Posts

1 2 3 6
aprile 9th, 2020

Coronavirus: biologia o economia?

Coronavirus: biologia o economia?   Il filosofo Umberto Galimberti propone le sue argomentazioni/concettualizzazioni sul Coronavirus. Riprendo alcune parole chiave tratte […]

marzo 29th, 2020

Le paure sociali – Ritualità e distanze sociali

Ritualità e distanze sociali   In un periodo di crisi per la pandemia da coronavirus vengono modificate le forme rituali […]

marzo 28th, 2020

XXIV Edizione Concorso di Poesia

XXIV Edizione Concorso Internazionale di Poesia “Il Saggio – Città di Eboli” dedicato a Orlando Carratù con Borse di studio […]

marzo 20th, 2020

Fenomeni criminali – La ‘ndrangheta

Il mito dell’invisibilità di Pasquale Martucci   Svuotare la ‘ndrangheta dall’interno significa fare capire che il crimine crea ricchezza per […]

marzo 10th, 2020

Le paure sociali – Complessità e coronavirus

Complessità e coronavirus La lezione di Miguel Benasayag di Pasquale Martucci   Non mi ero ancora occupato di coronavirus per […]

marzo 6th, 2020

Antichi rituali – La rinascita

Il tempo quaresimale di Pasquale Martucci   Nella cultura popolare il bisogno del sacro è essenziale, in quanto l’uomo avverte […]

febbraio 28th, 2020

La storia come un romanzo

Ancora alcune riflessioni sull’opera di Antonio Scurati: “M. Il figlio del secolo”, Bompiani 2018.   La storia come un romanzo […]

febbraio 25th, 2020

Concorsi di poesia e narrativa – “Centro Culturale Studi Storici”

 

febbraio 19th, 2020

Riti&tradizioni – Carnevale

La tradizione delle maschere   Di seguito, riporto alcuni brani tratti dai riti e alle tradizioni cilentane carnevalesche. Si tratta […]

febbraio 6th, 2020

Tendenze sociologiche – Luca Ricolfi

La società del Giovin Signore   Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue […]

gennaio 28th, 2020

Pagine di storia – I Bulgari nel Basso Cilento

I Bulgari nel Basso Cilento   L’area della valle del Mingardo è stata interessata, dopo il crollo dell’impero romano, dalla […]

gennaio 23rd, 2020

Tendenze epistemologiche – Jürgen Habermas

Dopo dieci anni di lavoro, a 90 anni compiuti, il teorico dell’agire comunicativo, dei paradigmi di mondi vitali e sistemi, […]

gennaio 16th, 2020

Riti&tradizioni – Sant’Antonio Abate

La festa del fuoco   “Il rumore serve a spaventare e allontanare le potenze maligne, il fuoco a illuminare il […]

gennaio 7th, 2020

Riti&tradizioni – La festa del maiale

Il destino del porco di Pasquale Martucci   A gennaio, quando è ormai ben grasso, l’animale è prelevato con l’inganno […]

dicembre 24th, 2019

Un anno da non dimenticare

http://ricocrea.it di Pasquale Martucci Un anno da non dimenticare e l’auspicio di un Buon 2020   Un anno fa, nel […]

dicembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – I rituali natalizi del Cilento

Antonio Di Rienzo, ricercatore di cultura storica e tradizione popolare cilentana, alla fine del 1987, su “Il Mezzogiorno Culturale” (A. […]

dicembre 15th, 2019

Pagine di storia – Salerno longobarda

Salerno longobarda di Pasquale Martucci   Nell’anno 849, millecentosettanta anni fa, Salerno divenne uno dei due principati longobardi del sud; […]

dicembre 10th, 2019

Pagine di storia – Il castello di Rocca

Il castello di Rocca   Le prime notizie su Rocca Cilento (da rocca, roccia, fortezza su un monte; XI secolo: […]

dicembre 7th, 2019

Storia&tradizioni – La festa dell’Immacolata

La festa dell’Immacolata Le regioni italiane si preparano al Natale con tradizioni sacre, festeggiamenti antichi e piatti tipici di Nisia […]

dicembre 2nd, 2019

La partecipazione e l’agorà

Un popolo di persone normali e di tutte le età, accomunati dalla lotta ai populismi, sfidano con partecipazione civile e […]

novembre 23rd, 2019

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie di Pasquale Martucci   “Siamo pieni di vie di uscita. Forse sono proprio […]

novembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – L’olio d’oliva

L’OLIO D’OLIVA: UNA COSTANTE NEI SECOLI La molitura delle olive tra significati e tradizioni del presente e del passato di […]

novembre 16th, 2019

Memorie dal territorio – Dopo la ruralità

La quietanza meridionale. I paesi dell’osso dopo la ruralità

novembre 11th, 2019

Storia&tradizioni – San Martino

“A San Martino se fano i zeppule e se prova u’ vino” Tradizioni culinarie cilentane nell’estate di San Martino   […]

novembre 10th, 2019

Muri da abbattere

Trent’anni fa veniva abbattuto il Muro di Berlino, anche se ancora oggi sono tanti i muri simbolici e fisici che […]

ottobre 31st, 2019

Natuzza Evolo / tra vita e aldilà

Dieci anni fa si spegneva Natuzza Evolo, una donna che ha rappresentato, nella cultura popolare religiosa, un forte legame tra […]

ottobre 28th, 2019

Territorio&Cultura – la poesia

Concorsi di poesia di Gaeta (LT) e di Auletta (SA)

ottobre 20th, 2019

Memorie dal territorio – Fiore!

Ricevo e pubblico due brani di Antonio Pellegrino. Nella foto c’è Gerry il pastore, chiamato anche Fiore.   Fiore! Sempi […]

ottobre 7th, 2019

Memorie dal territorio – E’ cangiata l’aria

Con questo intervento, una riflessione sul cambiamento dei tempi, inizia la collaborazione di Antonio Pellegrino (laurea in Sociologia), attuale Presidente […]

ottobre 6th, 2019

Idee & parole – Ernesto de Martino

Il mondo magico di Ernesto de Martino di Pasquale Martucci “Presenza, esserci nel mondo, esserci nella storia sono espressioni equivalenti […]

settembre 25th, 2019

Idee & parole – I saperi di Dionigi

Nella criticità della vita di oggi, occorre che l’individuo ripensi un “nuovo umanesimo” che tenga conto della storia e della […]

settembre 20th, 2019

Storia&tradizioni – Il giorno delle antiche nozze

Ricevo e pubblico l’articolo di Nisia Orsola La Greca Romano sul rito nuziale   Da sempre le nozze rappresentano un […]

settembre 15th, 2019

Idee & parole – Socrate

Nella nostra società si avverte il bisogno di tornare a valorizzare le molteplici forme del dialogo, così come indicato da […]

agosto 25th, 2019

Le storie – Jerry Essan Masslo

A trent’anni dall’omicidio di JERRY MASSLO ancora non abbiamo compreso che … “Ciascuno di noi è straniero di un altro” […]

agosto 15th, 2019

Idee & parole – Giovambattista Vico

Vatolla, Vico e la cipolla di Pasquale Martucci Vatolla è situata su una collinetta che domina il paesaggio sottostante e […]

agosto 8th, 2019

Idee & parole – Fabrizio De André

“Per quanto voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti”   L’espressione è tratta da: “Storia di un impiegato”, un […]

agosto 4th, 2019

Bibbiano, dove sta il bene dei bimbi

LETTERA APERTA DEGLI OPERATORI DELL’INFANZIA È stata scritta una lettera/appello da Mauro Mariotti e Paolo Siani. Aderisco pubblicando il documento, […]

luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La festa del Santo Patrono

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla festa del Santo Patrono nella tradizione culinaria del […]

luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La cucina dei marinai

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla tradizione culinaria dei marinai   AVE MARIS STELLA […]

luglio 30th, 2019

Vallo della Lucania – Il rito di San Pantaleo

Il rito di San Pantaleo di Pasquale Martucci   San Pantaleone è festeggiato almeno in due grossi centri del territorio […]

luglio 24th, 2019

Idee & parole – Antonio Gramsci

Il concetto di egemonia culturale e la questione meridionale di Pasquale Martucci   Cent’anni fa, il 1 maggio 1919, iniziò […]

luglio 14th, 2019

Cosmo Guazzo: una vita al servizio del territorio

Presso la Pro-Loco di San Martino Cilento, sabato 13 luglio 2019, per riflettere sui lavori di Cosmo Guazzo si è […]

giugno 26th, 2019

Epistemologia della soggettivazione

Il soggetto/attore, i diritti universali e la società ipermoderna nel pensiero di Alain Touraine di Pasquale Martucci   Assistere ad […]

giugno 9th, 2019

Un antico rituale: la festa del pane

La festa del pane di Pasquale Martucci     La panificazione è stato sempre un momento molto importante nella tradizione […]

maggio 19th, 2019

Contro l’indifferenza, per la conoscenza

Intolleranza, divieti, tentativi di limitazione delle libere espressioni di idee: una sorta di società ad una dimensione, quella prevalente. Tutto […]

maggio 17th, 2019

In memoria di Domenico Chieffallo

Per ricordare lo storico e meridionalista cilentano, produciamo alcune considerazioni e un articolo del 1995 di Domenico Chieffallo.   Note […]

maggio 5th, 2019

Grave perdita per la cultura cilentana

Riceviamo e pubblichiamo un commento / ricordo sulla scomparsa dell’amico Amedeo La Greca, da parte del prof. Emilio La Greca […]

maggio 5th, 2019

Riti e tradizione non solo culinaria del Cilento

Ho con  grande interesse letto gli scritti di NISIA ORSOLA LA GRECA ROMANO sulla tradizione culinaria del Cilento, e non […]

maggio 5th, 2019

Comunità e cultura popolare, linguaggio, cilentanità

Dopo aver realizzato molti studi sul territorio, a partire da questo intervento analizzo gli elementi che ne costituiscono i tratti […]

aprile 15th, 2019

Simboli e Rituali – Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti”

Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti” di Pasquale Martucci   I rituali rappresentano “una connessione tra passato, presente […]

marzo 11th, 2019

DINO BETTI

Un uomo che ha attraversato, vissuto e trasmesso il suo tempo di Anna Avagliano e Pasquale Martucci   Dino Betti […]

febbraio 21st, 2019

Verso un modello postindustriale. La proposta del sociologo Domenico De Masi.

I limiti delle società attuali e le possibilità del “migliore dei mondi esistiti finora”. Occorrerebbe costruire un modello ideale di […]

febbraio 13th, 2019

Ricerca Bibliografica sul Cilento

Progetto: “BENI CULTURALI CNR” Anni 1998-2000 C.P.S. Ricerche S.r.l. / Università di NAPOLI – Facoltà di Sociologia   Tra il […]

febbraio 7th, 2019

LA SCELTA DI RICOCREA

LA SCELTA DI RICOCREA Ricerca, costruzione, creazione, queste sono le parole chiave del sito che ho da qualche mese realizzato: […]

febbraio 1st, 2019

Matera Capitale Europea della Cultura 2019. La visione del sociologo Aldo Musacchio

La visione di Aldo Musacchio: i fondamenti di una cultura per lo sviluppo del territorio di Pasquale Martucci   Per […]

dicembre 25th, 2018

Festa al Castello: cultura e memoria – dicembre 2018

TEGGIANO Festa al Castello: cultura e memoria di Pasquale Martucci   La Corte in Festa – Natale al Castello, Teggiano […]