List

Antonio Di Rienzo, ricercatore di cultura storica e tradizione popolare cilentana, alla fine del 1987, su “Il Mezzogiorno Culturale” (A. I – n. 7), pubblicò un saggio dal titolo: “La festa del Natale all’insegna della tradizione. Itinerario folkloristico del Cilento”. Riporto quello scritto, che rimanda ad una antichissima tradizione di cui è necessario lasciare traccia.

 

Potrebbe risultare difficile o per lo meno non esaustivo indicare un itinerario delle tradizioni natalizie di un territorio così vasto anche a chi da anni, per ragioni di studio, è abituato a percorrere le strade di questa contrada.

()

Il Natale richiama il presepe, i pastori, le grotte, le ciaramelle, le zampogne e dappertutto nel Cilento le immagini di questa festa fanno rivivere una tradizione che , dopo un lungo cammino di due millenni, è giunta fino a noi.

(…)

Le manifestazioni si concludono il giorno dell’Epifania quando i protagonisti attraverseranno le vie della cittadina con i loro costumi caratteristici costruiti artigianalmente. Ma il Natale oltre il Presepe, l’albero (quest’ultima una tradizione nordica  importata) le vetrine dei negozi finemente addobbati, ci riporta il suono melodioso delle zampogne. Quanta importanza ricopre la musica  in questa atmosfera natalizia!

Fra gli strumenti musicali (nacchere, putipù, tricche-ballacche, tamburo) di cui si faceva uso anticamente nelle feste natalizie, le più famose erano senza dubbio la zampogna e la ciaramella, due strumenti a fiato: la prima formata da una serie di canne e da un otre di pelle, l’altra (la ciaramella, dal latino ‘caramellum’, cioè bastoncino), paragonabile allo zufolo, accompagnava le zampogne ed era suonata sempre dal più giovane dei suonatori.

Tutto il Cilento interno, il Vallo di Diano e paesi quali Colliano, San Gregorio Magno, presentano una tradizione di musica di zampogna davvero invidiabile. Famosi sono gli zampognari di Cannalonga, di Piaggine, di Caselle in Pittari e tanto più quelli di Polla, di Caggiano, di Tardiano e di Montesano, dove si contano ben sette tipi di zampogne.

IL FUOCO DEI CEPPI

In tutto il Meridione si ripetono e, per così dire, ritornano a nuova vita usi e consuetudini antiche, ma nel Cilento l’attesa del prodigio della Nascita coinvolge tutti, bambini ed adulti e, comprende ogni aspetto del quotidiano dall’interscambio di auguri e di regali alla gastronomia. Da noi è largamente diffuso l’uso popolare di bruciare grosse cataste di tronchi d’albero ammucchiati nelle piazzette sin dai primi giorni di dicembre. E’ il “fuoco dei ceppi di legno” che, a seconda della località, assume nomi diversi: “‘a fòcara”, “u’ fòcaro”, “u’ ceppone” ed ora “u’ falò”.

In Toscana la “Pasqua di ceppo” serve a designare il Natale. Non tragga in inganno il termine “Pasqua” perché primieramente esso equivaleva ad una festa ebraica e solo nella terminologia cristiana indicò la festa della Resurrezione, per poi diventare sinonimo di “festa”. Significato questo che conservò nella lingua dialettale: ad esempio da noi è rimasta la frase: “Pasqua re la Befanìa”.

Quindi il “cippus”, l’antico palo di confine delle proprietà, ora diventato una catasta di legna che viene bruciata alla vigilia di Natale, può ricordare, forse, nel suo significato passato, l’antica usanza dei contadini di recarsi nei fondi demaniali a sforestare e a pascolare per conservare su quei terreni gli usi civici in vigore fin dal periodo longobardo.

Ma prima ancora il fuoco del ceppo dovette essere un rituale pagano collegato alla dea Demetra; la Madre Terra, infatti, veniva cosparsa successivamente alla notte di Natale con le ceneri del “fuoco sacro” quasi a preservarla dal male, dal freddo per garantire un abbondante raccolto. Da noi il Natale coincide col principio più freddo dell’anno quando i principali lavori nei campi sono ormai finiti. Ed il detto popolare ammonisce:

Mo’ vene Natale cu’ le belle fieste, si nun ha’ semenato accussì riesti!”.

LA NOTTE MAGICA

E’ il periodo questo molto delicato dell’attesa della germogliatura del seme; un’attesa che è anche la speranza di un evento portentoso che con il Cristianesimo è la Nascita di Cristo. Un momento particolare che ha delle valenze magiche caratterizzato da rituali di trasmissione del potere occulto della mente. Solo nella notte di Natale, o in punto di morte, il “mago” o il contadino conoscitore di arti magiche può rivelare le formule per le fatture, il malocchio e, quindi, trasmettere la sua arte.

Come la festa di Ognissanti, quella della ricorrenza dei Morti, anche la festività della Nascita mostra il suo legame con il mondo degli inferi ed è la principale festa che rientra nel ciclo delle feste invernali.

La credenza popolare vuole che chi nasce in questa notte magica diventerà “lupomannaro”, se maschio, e “jenara” (strega) se è femmina: perché questa è la notte fantastica dedicata alla nascita del figlio di Dio.

Ma la trasmissione del potere non investe solo il mondo magico comprende anche il quotidiano, secondo una nostra ipotesi peraltro ampiamente documentata ancora oggi nei paesi del basso Cilento, dove i giovani, seduti intorno al fuoco, ascoltano i racconti degli anziani: non è forse questo un modo per trasmettere il tesoro di una antica cultura?

IL CAPODANNO

Altra notte particolare è quella della fine dell’anno quando i giovani con botti, tamburi, botti di ferro che vengono rotolate sul selciato della strada, quasi a voler esorcizzare e scacciare il “male”, simboleggiano la cacciata dell’Anno Vecchio, che nella tradizione popolare assume le sembianze di un vecchio con la barba, e festeggiano l’arrivo dell’anno Nuovo, un bel giovanetto.

(A Lentiscosa, gli auguri sono espressi al suono degli strumenti musicali. E’ riportato un canto di auguri per un felice anno)

E tire-tùppete mast’Francisco nci venga nu buon giorno e nu Buon Anno. Chi puozzi avere tanta feste e tanta uaragni, – Chi puozzi avere nu figlio Vescovo e n’ato Barone!”.

L’indomani di buon ora con la guantiera (vassoio) si recano a raccogliere la ‘mberta (offerta) con parole di augurio:

Ciento e ciento re chiste jurnate … facìteme a ‘mberta”.

L’EPIFANIA

Dopo il primo dell’anno si aspetta l’ultima grande festa del periodo natalizio, “Ta epifàneia”, la manifestazione della Divinità che nell’Occidente ricorda l’adorazione dei Magi arrivati alla capanna di Betlemme, guidati dalla cometa ed è caratterizzata dalla tradizione, che si rifà ai doni portati dai tre re a Gesù, di offrire ai bambini dolci e giocattoli. Ma anche qui la tradizione ha portato delle variazioni: non sono più i tre re Magi a portare i doni ma una vecchia sdentata, la Befana.

()

LA CUCINA NATALIZIA

Nel Sud ogni festa si celebra con una pietanza particolare e con dolci che sono solo di quel periodo. Natale, poi, che rappresenta la festa per eccellenza, nel Cilento si celebra con una ricca gamma di dolciumi che le nostre madri preparano con tale maestria da far invidia al dolciere più raffinato. Esse conservano nella loro mente il giusto dosaggio di ogni ingrediente e sanno come rendere appetibile il tutto con il profumo di noce moscata, cannella, chiodo di garofano.

I dolci natalizi

“Pastuccelle, pastorelle, panzarotti con la ricotta, nocche, nacatole, ‘nginette” sono i tipici dolci natalizi che nati dallo stesso impasto assumono denominazioni diverse e seconda della località. Cambia il ripieno che può essere costituito da castagne, da pere secche e mandorle tostate o da ricotta ma dappertutto dominano incontrastati la farina e le uova, lo zucchero e il vino bianco. La forma è una caratteristica di ogni dolce: le “pastuccelle” somigliano al fiore, le “pastorelle” (a Cuccaro) hanno la forma di una stella, le “‘nginette” quelle di un calice. E poi ci sono le “zeppule o ruospi o crespelle” che vanno dalla forma ovale a quella a spirale, un impasto di farina e uova che dopo la cottura in olio bollente vengono ricoperte di zucchero e miele. Ed infine ci sono gli “struffoli”, dolci anch’essi senza ripieno, formati da tocchettini di pasta fatta di farina ed uova (con un po’ d’olio, vino bianco e zucchero) fritti in olio bollente fino a diventare di un bel colore giallo oro e poi immersi nel miele per formare un tarallo ricoperto anche di piccoli confettini e frutta candita. Questo è il dolce di Capodanno, simbolo augurale di benessere e prosperità come pure il piatto a base di lenticchie.

IL DIGIUNO PENITENZIALE

Se i dolci natalizi hanno dell’eccezionale per odore e sapore, il pranzo della Vigilia di Natale ripropone il digiuno penitenziale, proprio delle vigilie delle feste, ma stavolta è caratterizzato da una precisa prescrizione di pietanze.

A Laurino, ad esempio, il digiuno viene chiamato “la Stella di Natale” e comprende tredici pietanze (quanti sono i giorni che intercorrono tra Natale e l’Epifania): baccalà (fritto o lesso), spaghetti con le alici, ruospi (o zeppole), castagne, noci ed altri frutti secchi. Il tredici qui ha un valore magico, come pure il nove (le nove pietanze) a Trentinara, collegato al mondo agro-pastorale.

IL PRANZO

Nel pranzo di Natale compare sempre il brodo di gallina, o come pietanza a sé (a Fornelli), o per condire la “minestra maritata” di cicorie e scarole ed osso di maiale. Altrove si usa mangiare il tacchino o il cappone ma è sempre un volatile da cortile che compare sulla tavola a Natale e si sa per certo, nella simbologia rituale, del suo legame con il mondo degli inferi. La gallina, infatti, compare nell’area centro-meridionale, come antica offerta votiva alle divinità dell’oltretomba, come è testimoniato da alcune statuine fittili nella necropoli di Paestum, e da tante leggende che fanno risalire il rinvenimento di immagini sacre (di qui la nascita di una chiesa, di un santuario o di un altro luogo di culto) proprio riferite a questi animali (la Madonna delle Grazie ad Ortodonico e a Cerrelli).

Ed ora a mò di conclusione vogliamo dire che tutte le notizie che abbiamo fin qui raccolto, le usanze che abbiamo registrato, i riti e le superstizioni che permangono dovrebbero servire a dare una traccia e uno stimolo allo studioso e al turista affinché si soffermi a valutare la stessa possibilità di un incontro con questa terra ricca di storia e tradizione.

 

Antonio Di Rienzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Posts

1 2 3 6
aprile 9th, 2020

Coronavirus: biologia o economia?

Coronavirus: biologia o economia?   Il filosofo Umberto Galimberti propone le sue argomentazioni/concettualizzazioni sul Coronavirus. Riprendo alcune parole chiave tratte […]

marzo 29th, 2020

Le paure sociali – Ritualità e distanze sociali

Ritualità e distanze sociali   In un periodo di crisi per la pandemia da coronavirus vengono modificate le forme rituali […]

marzo 28th, 2020

XXIV Edizione Concorso di Poesia

XXIV Edizione Concorso Internazionale di Poesia “Il Saggio – Città di Eboli” dedicato a Orlando Carratù con Borse di studio […]

marzo 20th, 2020

Fenomeni criminali – La ‘ndrangheta

Il mito dell’invisibilità di Pasquale Martucci   Svuotare la ‘ndrangheta dall’interno significa fare capire che il crimine crea ricchezza per […]

marzo 10th, 2020

Le paure sociali – Complessità e coronavirus

Complessità e coronavirus La lezione di Miguel Benasayag di Pasquale Martucci   Non mi ero ancora occupato di coronavirus per […]

marzo 6th, 2020

Antichi rituali – La rinascita

Il tempo quaresimale di Pasquale Martucci   Nella cultura popolare il bisogno del sacro è essenziale, in quanto l’uomo avverte […]

febbraio 28th, 2020

La storia come un romanzo

Ancora alcune riflessioni sull’opera di Antonio Scurati: “M. Il figlio del secolo”, Bompiani 2018.   La storia come un romanzo […]

febbraio 25th, 2020

Concorsi di poesia e narrativa – “Centro Culturale Studi Storici”

 

febbraio 19th, 2020

Riti&tradizioni – Carnevale

La tradizione delle maschere   Di seguito, riporto alcuni brani tratti dai riti e alle tradizioni cilentane carnevalesche. Si tratta […]

febbraio 6th, 2020

Tendenze sociologiche – Luca Ricolfi

La società del Giovin Signore   Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue […]

gennaio 28th, 2020

Pagine di storia – I Bulgari nel Basso Cilento

I Bulgari nel Basso Cilento   L’area della valle del Mingardo è stata interessata, dopo il crollo dell’impero romano, dalla […]

gennaio 23rd, 2020

Tendenze epistemologiche – Jürgen Habermas

Dopo dieci anni di lavoro, a 90 anni compiuti, il teorico dell’agire comunicativo, dei paradigmi di mondi vitali e sistemi, […]

gennaio 16th, 2020

Riti&tradizioni – Sant’Antonio Abate

La festa del fuoco   “Il rumore serve a spaventare e allontanare le potenze maligne, il fuoco a illuminare il […]

gennaio 7th, 2020

Riti&tradizioni – La festa del maiale

Il destino del porco di Pasquale Martucci   A gennaio, quando è ormai ben grasso, l’animale è prelevato con l’inganno […]

dicembre 24th, 2019

Un anno da non dimenticare

http://ricocrea.it di Pasquale Martucci Un anno da non dimenticare e l’auspicio di un Buon 2020   Un anno fa, nel […]

dicembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – I rituali natalizi del Cilento

Antonio Di Rienzo, ricercatore di cultura storica e tradizione popolare cilentana, alla fine del 1987, su “Il Mezzogiorno Culturale” (A. […]

dicembre 15th, 2019

Pagine di storia – Salerno longobarda

Salerno longobarda di Pasquale Martucci   Nell’anno 849, millecentosettanta anni fa, Salerno divenne uno dei due principati longobardi del sud; […]

dicembre 10th, 2019

Pagine di storia – Il castello di Rocca

Il castello di Rocca   Le prime notizie su Rocca Cilento (da rocca, roccia, fortezza su un monte; XI secolo: […]

dicembre 7th, 2019

Storia&tradizioni – La festa dell’Immacolata

La festa dell’Immacolata Le regioni italiane si preparano al Natale con tradizioni sacre, festeggiamenti antichi e piatti tipici di Nisia […]

dicembre 2nd, 2019

La partecipazione e l’agorà

Un popolo di persone normali e di tutte le età, accomunati dalla lotta ai populismi, sfidano con partecipazione civile e […]

novembre 23rd, 2019

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie di Pasquale Martucci   “Siamo pieni di vie di uscita. Forse sono proprio […]

novembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – L’olio d’oliva

L’OLIO D’OLIVA: UNA COSTANTE NEI SECOLI La molitura delle olive tra significati e tradizioni del presente e del passato di […]

novembre 16th, 2019

Memorie dal territorio – Dopo la ruralità

La quietanza meridionale. I paesi dell’osso dopo la ruralità

novembre 11th, 2019

Storia&tradizioni – San Martino

“A San Martino se fano i zeppule e se prova u’ vino” Tradizioni culinarie cilentane nell’estate di San Martino   […]

novembre 10th, 2019

Muri da abbattere

Trent’anni fa veniva abbattuto il Muro di Berlino, anche se ancora oggi sono tanti i muri simbolici e fisici che […]

ottobre 31st, 2019

Natuzza Evolo / tra vita e aldilà

Dieci anni fa si spegneva Natuzza Evolo, una donna che ha rappresentato, nella cultura popolare religiosa, un forte legame tra […]

ottobre 28th, 2019

Territorio&Cultura – la poesia

Concorsi di poesia di Gaeta (LT) e di Auletta (SA)

ottobre 20th, 2019

Memorie dal territorio – Fiore!

Ricevo e pubblico due brani di Antonio Pellegrino. Nella foto c’è Gerry il pastore, chiamato anche Fiore.   Fiore! Sempi […]

ottobre 7th, 2019

Memorie dal territorio – E’ cangiata l’aria

Con questo intervento, una riflessione sul cambiamento dei tempi, inizia la collaborazione di Antonio Pellegrino (laurea in Sociologia), attuale Presidente […]

ottobre 6th, 2019

Idee & parole – Ernesto de Martino

Il mondo magico di Ernesto de Martino di Pasquale Martucci “Presenza, esserci nel mondo, esserci nella storia sono espressioni equivalenti […]

settembre 25th, 2019

Idee & parole – I saperi di Dionigi

Nella criticità della vita di oggi, occorre che l’individuo ripensi un “nuovo umanesimo” che tenga conto della storia e della […]

settembre 20th, 2019

Storia&tradizioni – Il giorno delle antiche nozze

Ricevo e pubblico l’articolo di Nisia Orsola La Greca Romano sul rito nuziale   Da sempre le nozze rappresentano un […]

settembre 15th, 2019

Idee & parole – Socrate

Nella nostra società si avverte il bisogno di tornare a valorizzare le molteplici forme del dialogo, così come indicato da […]

agosto 25th, 2019

Le storie – Jerry Essan Masslo

A trent’anni dall’omicidio di JERRY MASSLO ancora non abbiamo compreso che … “Ciascuno di noi è straniero di un altro” […]

agosto 15th, 2019

Idee & parole – Giovambattista Vico

Vatolla, Vico e la cipolla di Pasquale Martucci Vatolla è situata su una collinetta che domina il paesaggio sottostante e […]

agosto 8th, 2019

Idee & parole – Fabrizio De André

“Per quanto voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti”   L’espressione è tratta da: “Storia di un impiegato”, un […]

agosto 4th, 2019

Bibbiano, dove sta il bene dei bimbi

LETTERA APERTA DEGLI OPERATORI DELL’INFANZIA È stata scritta una lettera/appello da Mauro Mariotti e Paolo Siani. Aderisco pubblicando il documento, […]

luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La festa del Santo Patrono

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla festa del Santo Patrono nella tradizione culinaria del […]

luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La cucina dei marinai

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla tradizione culinaria dei marinai   AVE MARIS STELLA […]

luglio 30th, 2019

Vallo della Lucania – Il rito di San Pantaleo

Il rito di San Pantaleo di Pasquale Martucci   San Pantaleone è festeggiato almeno in due grossi centri del territorio […]

luglio 24th, 2019

Idee & parole – Antonio Gramsci

Il concetto di egemonia culturale e la questione meridionale di Pasquale Martucci   Cent’anni fa, il 1 maggio 1919, iniziò […]

luglio 14th, 2019

Cosmo Guazzo: una vita al servizio del territorio

Presso la Pro-Loco di San Martino Cilento, sabato 13 luglio 2019, per riflettere sui lavori di Cosmo Guazzo si è […]

giugno 26th, 2019

Epistemologia della soggettivazione

Il soggetto/attore, i diritti universali e la società ipermoderna nel pensiero di Alain Touraine di Pasquale Martucci   Assistere ad […]

giugno 9th, 2019

Un antico rituale: la festa del pane

La festa del pane di Pasquale Martucci     La panificazione è stato sempre un momento molto importante nella tradizione […]

maggio 19th, 2019

Contro l’indifferenza, per la conoscenza

Intolleranza, divieti, tentativi di limitazione delle libere espressioni di idee: una sorta di società ad una dimensione, quella prevalente. Tutto […]

maggio 17th, 2019

In memoria di Domenico Chieffallo

Per ricordare lo storico e meridionalista cilentano, produciamo alcune considerazioni e un articolo del 1995 di Domenico Chieffallo.   Note […]

maggio 5th, 2019

Grave perdita per la cultura cilentana

Riceviamo e pubblichiamo un commento / ricordo sulla scomparsa dell’amico Amedeo La Greca, da parte del prof. Emilio La Greca […]

maggio 5th, 2019

Riti e tradizione non solo culinaria del Cilento

Ho con  grande interesse letto gli scritti di NISIA ORSOLA LA GRECA ROMANO sulla tradizione culinaria del Cilento, e non […]

maggio 5th, 2019

Comunità e cultura popolare, linguaggio, cilentanità

Dopo aver realizzato molti studi sul territorio, a partire da questo intervento analizzo gli elementi che ne costituiscono i tratti […]

aprile 15th, 2019

Simboli e Rituali – Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti”

Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti” di Pasquale Martucci   I rituali rappresentano “una connessione tra passato, presente […]

marzo 11th, 2019

DINO BETTI

Un uomo che ha attraversato, vissuto e trasmesso il suo tempo di Anna Avagliano e Pasquale Martucci   Dino Betti […]

febbraio 21st, 2019

Verso un modello postindustriale. La proposta del sociologo Domenico De Masi.

I limiti delle società attuali e le possibilità del “migliore dei mondi esistiti finora”. Occorrerebbe costruire un modello ideale di […]

febbraio 13th, 2019

Ricerca Bibliografica sul Cilento

Progetto: “BENI CULTURALI CNR” Anni 1998-2000 C.P.S. Ricerche S.r.l. / Università di NAPOLI – Facoltà di Sociologia   Tra il […]

febbraio 7th, 2019

LA SCELTA DI RICOCREA

LA SCELTA DI RICOCREA Ricerca, costruzione, creazione, queste sono le parole chiave del sito che ho da qualche mese realizzato: […]

febbraio 1st, 2019

Matera Capitale Europea della Cultura 2019. La visione del sociologo Aldo Musacchio

La visione di Aldo Musacchio: i fondamenti di una cultura per lo sviluppo del territorio di Pasquale Martucci   Per […]

dicembre 25th, 2018

Festa al Castello: cultura e memoria – dicembre 2018

TEGGIANO Festa al Castello: cultura e memoria di Pasquale Martucci   La Corte in Festa – Natale al Castello, Teggiano […]