List

Il tempo quaresimale

di Pasquale Martucci

 

Nella cultura popolare il bisogno del sacro è essenziale, in quanto l’uomo avverte il richiamo dell’Assoluto e si interroga sulla vita, sulla morte, sul significato della propria esistenza. Accostando la religione rivelata da Dio alle forme rituali tradizionali, ovvero integrando l’aspetto più propriamente religioso, in cui prevalgono le espressioni cosiddette di “fede”, con l’elemento per così dire popolare, in cui è evidenziata la vita di un tempo ed i suoi caratteri materiali, si determina ciò che può essere definito: “religiosità popolare”.

La mediazione tra la religione ufficiale e le manifestazioni religiose permette di unire i tratti culturali del folklore meridionale, con la finalità di mantenere coesa la comunità e risolvere “la crisi della presenza dell’uomo”, come affermava Ernesto de Martino. (1)

Questa integrazione tra sacro e profano è ben evidenziata nel periodo della Quaresima, in un clima ormai primaverile in cui si consuma la fine del carnevale e l’avvento del periodo di preparazione penitenziale per la Pasqua. Nelle chiese occidentali inizia il mercoledì delle ceneri, per quaranta giorni, a imitazione del digiuno di Cristo nel deserto prima dell’inizio del suo ministero pubblico; al contrario, nelle chiese orientali la Quaresima inizia il lunedì della settima settimana prima di Pasqua. L’istituzione religiosa predispone la pratica da seguire, ovvero la preparazione per il battesimo e la penitenza per i peccatori.

Questo tempo liturgico chiama i fedeli ad una più profonda conversione, affinché battesimo e penitenza, i misteri propri della Quaresima, siano occasione di purificazione. A tal fine si predispongono alcune pratiche di fede: a) il digiuno, anche se limitato al mercoledì delle ceneri e al venerdì santo; b) l’astinenza dalle carni il venerdì, che nella simbologia rappresenta l’abbandono del lusso per vivere una vita più essenziale; c) la preghiera, legata strettamente alla conversione, una preghiera sia individuale che comunitaria; d) la carità, un forte impegno verso i fratelli, in quanto non c’è vera conversione a Dio senza l’amore fraterno.

Sono associate a queste pratiche religiose, antichissime tradizioni e significativi rituali, cioè le espressioni legate alla morte dell’anno vecchio, alla fine dell’inverno e all’anticipo della primavera (Carnevale), “un sacrificio cui succede una creazione-rinascita, simboleggiati dal sole che incrocia e poi supera la linea dell’equatore celeste passando da nord a sud”. (2) Riprendendo i riti greci, quelli primaverili sono dedicati al dio Dionisio, che regnava sui morti. Dal momento che era importante la funzione del morire e rinascere, si affermava il passaggio del “carro  dionisiaco” che portava colui che doveva rigenerare il cosmo. Nella stessa Roma Imperiale, i carri erano “il passaggio dei pianeti nel cielo verso la primavera”. Nel Medioevo, Car naval è la nave dei folli che durante la navigazione avverte la perdita dell’anno vecchio: ognuno perde la propria identità, i ruoli sono invertiti, così come i sessi, mentre la danza collettiva è orgia dionisiaca. In Babilonia, la festa più importante segnava il rinnovamento dell’anno durante l’equinozio di primavera. Si trattava di ripercorrere le origini della fondazione del cosmo, la lotta del Dio Marduk con il drago Tiamat. L’anno vecchio rappresentato dal drago era sconfitto dal dio salvatore che vinceva il caos e ordinava il mondo. Il periodo di passaggio verso l’ordine aveva gli stessi caratteri dei Saturnali romani: libertà sfrenata, il mondo capovolto dove prevaleva lo schiavo al signore. (3)

La Quaresima è immediatamente successiva al Carnevale, inteso come morte, fine di qualcosa, e ne segna un nuovo inizio. In una antica tradizione italica, vi è l’usanza della cerimonia di Sega-la-Vecchia, un pupazzo di legno “che teneva tra le mani il fuso e la conocchia, ed era riempita d’uva e fichi secchi, castagne, carrube, mele, pere (…) regali che quando segata concedeva ai paesani prima di essere bruciata sul rogo”. Questa pratica è stata avversata dalla Chiesa perché sembrava interrompere i rituali penitenziali; ed allora l’antica cerimonia fu ritualizzata con la sega che porta il nuovo, come la penitenza che porta un nuovo spirito, bianco e puro. Alfredo Cattabiani scrive che la Vecchia in tempo di Quaresima ebbe voglia di “un salsicciotto bolognese” e lo mangiò. Fu scoperta e processata, condannata ad essere segata viva. Il processo alla vecchia in realtà è il processo alle orge gastronomiche del Carnevale, per esaltare la purificazione e l’astinenza. Il rito di Sega-la-Vecchia è infatti paragonabile all’albero del Carnevale ed è inteso come cerimonia di passaggio verso il nuovo anno. (4)

Questa tradizione, come si apprende da recenti riscontri, è ancora presente in Toscana, Emilia Romagna, Umbria (Lago Trasimeno e provincia di Perugia), Molise (Jelsi) e Campania (Alife). Spesso è tramutata in rappresentazione teatrale, dove un gruppo di attori improvvisati inscena una specie di burla in cui un albero di quercia (la Vecchia) viene simbolicamente abbattuto e segato, fino a risorgere tra danze, canti e altre manifestazioni di gioia. Si tratta della fine del dissoluto e del turpiloquio, il vortice di vizi di ogni tipo. Durante il processo, l’atto di purificazione e riequilibrio, il pubblico ministero emette l’accusa alla quale seguirà la condanna del Tribunale del popolo alla pubblica segatura con lo “stroncatore”, una sorta di sega dei taglialegna. La soluzione è di eliminare la Vecchia e recuperare ciò che rimane utile delle sue spoglie, i cui resti, bruciati, scalderanno le ultime giornate di coloro che sono sopravvissuti al Male.

Nella tradizione mitologica cilentana, la Quaresima è una pupattola (pupatélla) di pezza che si appende dinanzi ai portoni, abbigliata solitamente di nero, che attesta i quaranta giorni che intercorrono tra il carnevale e la Pasqua. Fino a pochi decenni fa, quel pupazzo appariva il mercoledì delle Ceneri su tutti i balconi delle case contadine cilentane, per rimanervi fino all’inizio della Settimana Santa. Il giorno delle ceneri, dopo che gli abitanti si erano fatti spargere dal parroco la cenere in testa, le donne appendevano al balcone questa pupattola, chiamata appunto quarajésema. Nelle sue terga “veniva attaccato un limone, un’arancia o una patata in cui erano infisse sette penne di gallina”, le sette domeniche che condurranno alla Pasqua. Ogni domenica si strappava una penna fino al venerdì o sabato santo, “quando la quarajésema veniva bruciata nel fuoco del forno”. (5)

A Montesano sulla Marcellana ancora rivive questa antica usanza: la pupattola e le sue sette piume sono considerate il periodo di penitenza. Nella tradizione popolare, la Quaresima è la vedova del Carnevale, bruciato il martedì grasso sulla pubblica piazza. La pupa è vestita di nero, con due bottoni per occhi e un grembiule bianco cinto alla vita, simbolo della operosa laboriosità femminile; è appesa alle finestre o alle porte delle case per scandire il tempo della grande penitenza, proprio come la periodica estrazione delle piume.

In alcuni paesi del Cilento, in questo periodo di primavera e rinascita, è d’uso seminare grano ed orzo in vasi, oppure lenticchie e grano in piatti: sono tenuti nella penombra ed innaffiati ogni due giorni. Questi riti sono molto simili ai Giardini di Adone, piante che al sole primaverile germinano e rapidamente appassiscono. La somiglianza del rito è attestata dal fatto che tali piante venivano gettate dopo essere morte, affinché aiutassero il rinnovamento della natura. Ebbene, grani e lenticchie con i piatti che li contengono vengono poste sui sepolcri che si realizzano con le immagini del Cristo morto, il venerdì santo. (6)

Adone è l’immagine della vegetazione che scende nel regno dei morti per raggiungere Persefone in inverno, per poi ritornare sulla terra in primavera ed unirsi ad Afrodite (amore, vita) per fiorire e dare i suoi frutti. (7)

Adone simboleggia morte e resurrezione della natura, proprio come accade nel periodo quaresimale quando i segni penitenziali dei fedeli sono indirizzati a liberarsi dai peccati per giungere ad una nuova rinascita.

 

Note

  1. Cfr.: E. de Martino, “Il mondo magico. Prolegomeni a una storia del magismo”, Bollati Boringhieri 2017 (1948).
  2. A. Cattabiani, “Calendario. Le feste, i miti, le leggende e i riti dell’anno”, Rusconi Libri, 1988, 169.
  3. Ivi, 151-153.
  4. Ivi, 156-159.
  5. F. Dentoni Litta, “Antiche tradizioni del Cilento”, CI.RI. Cilento Ricerche 1986, 56.
  6. A. Cattabiani, cit., 167.
  7. J. Schmidt, “Dizionario della mitologia greca e romana”, Gremese Editore 1994, 17.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Posts

1 2 3 8
luglio 13th, 2020

Riti e cultura popolare / il grano

La passione del grano e la dimensione di verità di Pasquale Martucci   Un antico rituale, rilevato da Ernesto de […]

luglio 10th, 2020

Idee / Franco Ferrarotti

La fenomenologia del sacro di Pasquale Martucci   Le ricerche di Franco Ferrarotti, seguendo una metodologia qualitativa con il ricercatore […]

luglio 1st, 2020

Pagine di storia / Anno 1828

I moti nel Cilento: lo studio di una Rappresentazione Rituale di Pasquale Martucci   In alcuni paesi del Cilento, si ricordano […]

giugno 25th, 2020

Pagine di Storia – Pisacane

Sapri: la Rievocazione di Pisacane di Pasquale Martucci   Sapri è conosciuta, al di là della splendida collocazione geografica nel […]

giugno 20th, 2020

Pagine di storia / Torri costiere

Le torri costiere del Cilento   di Pasquale Martucci   Percorrendo la costa cilentana, si possono osservare una serie di […]

giugno 8th, 2020

Seminario ISCRA: “L’insostenibile peso della felicità e della speranza”

Possibili processi di pensiero di Pasquale Martucci   In occasione del Seminario ISCRA online (6-7 giugno 2020), dal titolo: “L’insostenibile […]

maggio 31st, 2020

Ricerca&territorio – Mitologia

U curdone ru monaco Aspetti mitologici e cultura popolare cilentana di Pasquale Martucci (il saggio è disponibile integralmente e con […]

maggio 21st, 2020

LAURINO / SANT’ELENA

Un culto antico e importante di Pasquale Martucci   “La storia di Laurino è strettamente intrecciata a quella della sua santa […]

maggio 17th, 2020

Epistemologia della complessità – EDGAR MORIN

EDGAR MORIN L’attualità del pensiero del teorico della complessità e la centralità della relazione soggetto-oggetto-ambiente per realizzare l’inizio di un […]

aprile 29th, 2020

Pagine di storia / I Basiliani

I Basiliani e le comunità cilentane di Pasquale Martucci   A questi monaci, arrivati nel territorio a nuclei sparsi o […]

aprile 25th, 2020

Martin Heidegger – letture critiche

Contro l’odio, i fascismi e i populismi, propongo la lettura del volume di Antonio Peduzzi sulle controverse idee del grande […]

aprile 16th, 2020

Sapori&saperi – la tipicità cilentana

La storia dell’alimentazione e la tipicità cilentana di Pasquale Martucci   La scoperta e la riproposizione della tradizione alimentare è […]

aprile 11th, 2020

Gli insegnamenti di un maestro: Aldo Musacchio

Cultura e formazione umana come fattori indispensabili allo sviluppo   Il sociologo dello sviluppo Aldo Musacchio, docente in diverse Università […]

aprile 9th, 2020

Coronavirus: biologia o economia?

Coronavirus: biologia o economia?   Il filosofo Umberto Galimberti propone le sue argomentazioni/concettualizzazioni sul Coronavirus. Riprendo alcune parole chiave tratte […]

marzo 29th, 2020

Le paure sociali – Ritualità e distanze sociali

Ritualità e distanze sociali   In un periodo di crisi per la pandemia da coronavirus vengono modificate le forme rituali […]

marzo 28th, 2020

XXIV Edizione Concorso di Poesia

XXIV Edizione Concorso Internazionale di Poesia “Il Saggio – Città di Eboli” dedicato a Orlando Carratù con Borse di studio […]

marzo 20th, 2020

Fenomeni criminali – La ‘ndrangheta

Il mito dell’invisibilità di Pasquale Martucci   Svuotare la ‘ndrangheta dall’interno significa fare capire che il crimine crea ricchezza per […]

marzo 10th, 2020

Le paure sociali – Complessità e coronavirus

Complessità e coronavirus La lezione di Miguel Benasayag di Pasquale Martucci   Non mi ero ancora occupato di coronavirus per […]

marzo 6th, 2020

Antichi rituali – La rinascita

Il tempo quaresimale di Pasquale Martucci   Nella cultura popolare il bisogno del sacro è essenziale, in quanto l’uomo avverte […]

febbraio 28th, 2020

La storia come un romanzo

Ancora alcune riflessioni sull’opera di Antonio Scurati: “M. Il figlio del secolo”, Bompiani 2018.   La storia come un romanzo […]

febbraio 25th, 2020

Concorsi di poesia e narrativa – “Centro Culturale Studi Storici”

 

febbraio 19th, 2020

Riti&tradizioni – Carnevale

La tradizione delle maschere   Di seguito, riporto alcuni brani tratti dai riti e alle tradizioni cilentane carnevalesche. Si tratta […]

febbraio 6th, 2020

Tendenze sociologiche – Luca Ricolfi

La società del Giovin Signore   Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue […]

gennaio 28th, 2020

Pagine di storia – I Bulgari nel Basso Cilento

I Bulgari nel Basso Cilento   L’area della valle del Mingardo è stata interessata, dopo il crollo dell’impero romano, dalla […]

gennaio 23rd, 2020

Tendenze epistemologiche – Jürgen Habermas

Dopo dieci anni di lavoro, a 90 anni compiuti, il teorico dell’agire comunicativo, dei paradigmi di mondi vitali e sistemi, […]

gennaio 16th, 2020

Riti&tradizioni – Sant’Antonio Abate

La festa del fuoco   “Il rumore serve a spaventare e allontanare le potenze maligne, il fuoco a illuminare il […]

gennaio 7th, 2020

Riti&tradizioni – La festa del maiale

Il destino del porco di Pasquale Martucci   A gennaio, quando è ormai ben grasso, l’animale è prelevato con l’inganno […]

dicembre 24th, 2019

Un anno da non dimenticare

http://ricocrea.it di Pasquale Martucci Un anno da non dimenticare e l’auspicio di un Buon 2020   Un anno fa, nel […]

dicembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – I rituali natalizi del Cilento

Antonio Di Rienzo, ricercatore di cultura storica e tradizione popolare cilentana, alla fine del 1987, su “Il Mezzogiorno Culturale” (A. […]

dicembre 15th, 2019

Pagine di storia – Salerno longobarda

Salerno longobarda di Pasquale Martucci   Nell’anno 849, millecentosettanta anni fa, Salerno divenne uno dei due principati longobardi del sud; […]

dicembre 10th, 2019

Pagine di storia – Il castello di Rocca

Il castello di Rocca   Le prime notizie su Rocca Cilento (da rocca, roccia, fortezza su un monte; XI secolo: […]

dicembre 7th, 2019

Storia&tradizioni – La festa dell’Immacolata

La festa dell’Immacolata Le regioni italiane si preparano al Natale con tradizioni sacre, festeggiamenti antichi e piatti tipici di Nisia […]

dicembre 2nd, 2019

La partecipazione e l’agorà

Un popolo di persone normali e di tutte le età, accomunati dalla lotta ai populismi, sfidano con partecipazione civile e […]

novembre 23rd, 2019

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie di Pasquale Martucci   “Siamo pieni di vie di uscita. Forse sono proprio […]

novembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – L’olio d’oliva

L’OLIO D’OLIVA: UNA COSTANTE NEI SECOLI La molitura delle olive tra significati e tradizioni del presente e del passato di […]

novembre 16th, 2019

Memorie dal territorio – Dopo la ruralità

La quietanza meridionale. I paesi dell’osso dopo la ruralità

novembre 11th, 2019

Storia&tradizioni – San Martino

“A San Martino se fano i zeppule e se prova u’ vino” Tradizioni culinarie cilentane nell’estate di San Martino   […]

novembre 10th, 2019

Muri da abbattere

Trent’anni fa veniva abbattuto il Muro di Berlino, anche se ancora oggi sono tanti i muri simbolici e fisici che […]

ottobre 31st, 2019

Natuzza Evolo / tra vita e aldilà

Dieci anni fa si spegneva Natuzza Evolo, una donna che ha rappresentato, nella cultura popolare religiosa, un forte legame tra […]

ottobre 28th, 2019

Territorio&Cultura – la poesia

Concorsi di poesia di Gaeta (LT) e di Auletta (SA)

ottobre 20th, 2019

Memorie dal territorio – Fiore!

Ricevo e pubblico due brani di Antonio Pellegrino. Nella foto c’è Gerry il pastore, chiamato anche Fiore.   Fiore! Sempi […]

ottobre 7th, 2019

Memorie dal territorio – E’ cangiata l’aria

Con questo intervento, una riflessione sul cambiamento dei tempi, inizia la collaborazione di Antonio Pellegrino (laurea in Sociologia), attuale Presidente […]

ottobre 6th, 2019

Idee & parole – Ernesto de Martino

Il mondo magico di Ernesto de Martino di Pasquale Martucci “Presenza, esserci nel mondo, esserci nella storia sono espressioni equivalenti […]

settembre 25th, 2019

Idee & parole – I saperi di Dionigi

Nella criticità della vita di oggi, occorre che l’individuo ripensi un “nuovo umanesimo” che tenga conto della storia e della […]

settembre 20th, 2019

Storia&tradizioni – Il giorno delle antiche nozze

Ricevo e pubblico l’articolo di Nisia Orsola La Greca Romano sul rito nuziale   Da sempre le nozze rappresentano un […]

settembre 15th, 2019

Idee & parole – Socrate

Nella nostra società si avverte il bisogno di tornare a valorizzare le molteplici forme del dialogo, così come indicato da […]

agosto 25th, 2019

Le storie – Jerry Essan Masslo

A trent’anni dall’omicidio di JERRY MASSLO ancora non abbiamo compreso che … “Ciascuno di noi è straniero di un altro” […]

agosto 15th, 2019

Idee & parole – Giovambattista Vico

Vatolla, Vico e la cipolla di Pasquale Martucci Vatolla è situata su una collinetta che domina il paesaggio sottostante e […]

agosto 8th, 2019

Idee & parole – Fabrizio De André

“Per quanto voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti”   L’espressione è tratta da: “Storia di un impiegato”, un […]

agosto 4th, 2019

Bibbiano, dove sta il bene dei bimbi

LETTERA APERTA DEGLI OPERATORI DELL’INFANZIA È stata scritta una lettera/appello da Mauro Mariotti e Paolo Siani. Aderisco pubblicando il documento, […]

luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La festa del Santo Patrono

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla festa del Santo Patrono nella tradizione culinaria del […]

luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La cucina dei marinai

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla tradizione culinaria dei marinai   AVE MARIS STELLA […]

luglio 30th, 2019

Vallo della Lucania – Il rito di San Pantaleo

Il rito di San Pantaleo di Pasquale Martucci   San Pantaleone è festeggiato almeno in due grossi centri del territorio […]

luglio 24th, 2019

Idee & parole – Antonio Gramsci

Il concetto di egemonia culturale e la questione meridionale di Pasquale Martucci   Cent’anni fa, il 1 maggio 1919, iniziò […]

luglio 14th, 2019

Cosmo Guazzo: una vita al servizio del territorio

Presso la Pro-Loco di San Martino Cilento, sabato 13 luglio 2019, per riflettere sui lavori di Cosmo Guazzo si è […]

giugno 26th, 2019

Epistemologia della soggettivazione

Il soggetto/attore, i diritti universali e la società ipermoderna nel pensiero di Alain Touraine di Pasquale Martucci   Assistere ad […]

giugno 9th, 2019

Un antico rituale: la festa del pane

La festa del pane di Pasquale Martucci     La panificazione è stato sempre un momento molto importante nella tradizione […]

maggio 19th, 2019

Contro l’indifferenza, per la conoscenza

Intolleranza, divieti, tentativi di limitazione delle libere espressioni di idee: una sorta di società ad una dimensione, quella prevalente. Tutto […]

maggio 17th, 2019

In memoria di Domenico Chieffallo

Per ricordare lo storico e meridionalista cilentano, produciamo alcune considerazioni e un articolo del 1995 di Domenico Chieffallo.   Note […]

maggio 5th, 2019

Grave perdita per la cultura cilentana

Riceviamo e pubblichiamo un commento / ricordo sulla scomparsa dell’amico Amedeo La Greca, da parte del prof. Emilio La Greca […]

maggio 5th, 2019

Riti e tradizione non solo culinaria del Cilento

Ho con  grande interesse letto gli scritti di NISIA ORSOLA LA GRECA ROMANO sulla tradizione culinaria del Cilento, e non […]

maggio 5th, 2019

Comunità e cultura popolare, linguaggio, cilentanità

Dopo aver realizzato molti studi sul territorio, a partire da questo intervento analizzo gli elementi che ne costituiscono i tratti […]

aprile 15th, 2019

Simboli e Rituali – Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti”

Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti” di Pasquale Martucci   I rituali rappresentano “una connessione tra passato, presente […]

marzo 11th, 2019

DINO BETTI

Un uomo che ha attraversato, vissuto e trasmesso il suo tempo di Anna Avagliano e Pasquale Martucci   Dino Betti […]

febbraio 21st, 2019

Verso un modello postindustriale. La proposta del sociologo Domenico De Masi.

I limiti delle società attuali e le possibilità del “migliore dei mondi esistiti finora”. Occorrerebbe costruire un modello ideale di […]

febbraio 13th, 2019

Ricerca Bibliografica sul Cilento

Progetto: “BENI CULTURALI CNR” Anni 1998-2000 C.P.S. Ricerche S.r.l. / Università di NAPOLI – Facoltà di Sociologia   Tra il […]

febbraio 7th, 2019

LA SCELTA DI RICOCREA

LA SCELTA DI RICOCREA Ricerca, costruzione, creazione, queste sono le parole chiave del sito che ho da qualche mese realizzato: […]

febbraio 1st, 2019

Matera Capitale Europea della Cultura 2019. La visione del sociologo Aldo Musacchio

La visione di Aldo Musacchio: i fondamenti di una cultura per lo sviluppo del territorio di Pasquale Martucci   Per […]

dicembre 25th, 2018

Festa al Castello: cultura e memoria – dicembre 2018

TEGGIANO Festa al Castello: cultura e memoria di Pasquale Martucci   La Corte in Festa – Natale al Castello, Teggiano […]

giugno 14th, 2020

Teorie / Max Weber

La ricerca del metodo di Pasquale Martucci   Il 14 giugno 1920, cento anni fa, moriva a Monaco di Baviera […]