List

Complessità e coronavirus

La lezione di Miguel Benasayag

di Pasquale Martucci

 

Non mi ero ancora occupato di coronavirus per una ragione precisa: cercavo di evitare di utilizzare spazi già invasi da una miriade di notizie che si rincorrono quotidianamente, a volte senza alcuna logica e magari spesso fuorvianti. Ma ora che l’epidemia si è estesa rapidamente, con interventi drastici da parte del potere istituzionale per limitare comportamenti non sempre corretti ma dettati da stili di vita acquisiti, dietro varie sollecitazioni, in particolare quella dell’amica Stefania Betti sul filosofo e psicoanalista Miguel Benasayag, intendo compiere alcune riflessioni sul come, attraverso la complessità, si possano acquisire e affrontare le situazioni di incertezza.

La socialità si sviluppa quando l’uomo, individuo sociale, cerca l’altro ed entra in relazione, vivendo spazi condivisi e quotidiane frequentazioni. Ebbene adesso occorre modificare in breve tempo le proprie abitudini, perché emerge la forza delle istituzioni e dunque la maggiore presenza della società sulle scelte individuali, contrariamente a ciò che si stava affermando nelle forme moderne di vita: fare ciò che si vuole e considerare coercitive le limitazioni che l’organizzazione sociale impone.

Sono queste le considerazioni propedeutiche per parlare di un aspetto importante: la tecnologia. Benasayag parla della differenza tra funzionalità ed esistenza, in cui l’uomo pensa di poter essere invincibile grazie agli sviluppi tecnologici, dove i mezzi diventano fini. Ed in questi particolari momenti, al contrario, proprio i mezzi sarebbero essenziali per consentire di evitare il contagio, magari lavorando da casa, come afferma da anni il sociologo Domenico De Masi. Un secondo elemento, che collego al primo, è il ruolo della natura, dal momento che si è creduto che l’uomo l’avesse soggiogata e controllata, accorgendosi che non è proprio così. Il virus evidenzia come ci siano eventi naturali particolarmente virulenti che modificano le convinzioni del dominio sulla natura grazie alla tecnologia. E anche su ciò Benasayag può offrire qualche interessante spunto.

Credo che sia opportuno riferirsi preliminarmente alla “teoria della complessità” di Edgar Morin (in modo compiuto tratterò in un altro scritto il suo pensiero), per aver spaziato tra i vari ambiti del sapere, puntando sul rapporto soggetto-oggetto, osservante-osservato, sistemi e feedback, pensiero non riduttivo, per permettere di districarsi nelle diversificate e non certamente semplici istanze sociali. E’ la complessità, da conoscere e comprendere attraverso un metodo che “contenga in sé il senso dell’irriducibile legame di ogni cosa con ogni cosa”. E il metodo sarà proprio il lavoro che Morin comincerà ad elaborare negli ultimi decenni del novecento. (1)

Partendo proprio dalla complessità, Miguel Benasayag di recente (2) si è espresso proprio sui limiti e la crisi sociale al tempo del coronavirus, considerando la “condizione dell’uomo”, con l’indicazione di non agire in modo meccanico, seguendo un ruolo assegnato, ma di assumere la situazione che si presenta e prendere coscienza.

La fama dello studioso argentino, residente in Francia, si è affermata in Italia in conseguenza dei suoi lavori sull’“elogio del conflitto”, necessario per una ridefinizione dello spazio comune (“se le persone non trovano quello che desiderano si accontentano di ciò che viene loro imposto”) e sulle “passioni tristi”, in cui afferma che le patologie diffuse sono causate essenzialmente dal malessere sociale; ed allora occorre riscoprire il piacere delle cose inutili, dei gesti disinteressati, della passione per il proprio talento.

I temi centrali del suo pensiero, contenuti in alcuni volumi pubblicati in Italia (3), possono essere così sintetizzati: a) comprendere e agire nella complessità; b) funzionare o esistere; b) elogio del conflitto; c) epoca delle passioni tristi; d) salute ad ogni costo e negazione della morte.

Riferendosi a “Delitto e Castigo” di Dostoevskij, Benasayag ha sostenuto che nelle attuali e moderne società i governi e le finanze stanno compiendo delitti immani ed ora aspettano il castigo. Quello che stiamo vivendo è una variabile non conoscibile: tutto è riconducibile alla complessità che non è altro che incertezza. Per agire occorre accettare la dinamica senza avere un sapere completo. E questo è il caso del coronavirus. Fa l’esempio del tiranno, affermando che l’epidemia in sé è il sogno del tiranno, l’opposizione alla realtà, perché tutto si gioca nell’immediatezza. Al di là dell’immediato non c’è niente, mentre occorre vedere, avere lo sguardo sulle cose. (4)

Ha svolto interessanti studi sul “biopotere”, che devitalizza e non consente di agire. La parola d’ordine della nostra società è “salute ad ogni costo”, che guida comportamenti e modi di sentire. Si vive nell’angoscia e in una situazione di pericolo imminente, ed allora si ricorre a specialisti di ogni genere, perché si avverte un senso di prigione che impedisce di reagire. In questa condizione si delegano le funzioni alle macchine, che al contrario andrebbero rese compatibili con la struttura e i ritmi della vita e della cultura. La modernizzazione ha fatto scomparire la regolazione dell’ecosistema: è il “biopotere” che controlla i processi e mortifica la stessa libertà. Oggi i virus viaggiano in aereo e la mappa ha preso il posto del territorio: se tutto è informazione, le funzioni non stanno nella realtà perché quando si pensa di poterle raggiungere si trovano in uno stadio successivo. E’ la tirannia degli algoritmi. Gli uomini e le donne sono tristi, hanno bisogno del tiranno per giustificare la depressione e il tiranno ha bisogno dei depressi per esercitare il suo potere. (5)

Miguel Benasayag ricorda che il vero pericolo, in un’epoca come questa, è rappresentato dal niente, “un niente circondato dalle belle parole e dai grandi discorsi”. Si esprime contro la mortificazione che orienta l’individuo contemporaneo, affermando che si vive ormai in una società “schiacciata dal peso e dai limiti dell’utile”, in quanto tutto è improntato su “standard di mera efficienza e funzionalità”. (6)

Il problema di questa visione utilitaristica, ormai dominante, è che rende assoluta un’unica realtà possibile, una sola dimensione della vita. Per resistere a questa logica bisogna sviluppare e valorizzare altre dimensioni molteplici della vita sociale e personale, considerando che si vive in un mondo molto più complicato rispetto al passato. Il suo riferimento è alla assoluta assenza di sacrificio, in una società che si vuole “integralmente razionalista”. Il sistema del sacrificio, però, non può essere superato semplicemente ignorandolo: la sua indicazione è di tornare al concetto di dono, così come proposto da Marcel Mauss: “una forma pratica per orientare le nostre scelte, per dirigerci verso una esistenza più giusta e felice, per impedire che all’altro si possa paradossalmente donare solo la morte, e non la vita”. (7)

E’ importante, sostiene Benasayag, che l’esistenza prevalga sulla funzionalità: “il tutto si ridefinisce ogni volta nella, attraverso e per la situazione in cui e attraverso cui le persone esistono”. Siamo più funzionali che esistenti. Nella realtà c’è bisogno del coraggio: senza coraggio non si vive la vita personale, occorre assumere le fragilità della vita, senza isolamento, avere il coraggio di vivere in relazione agli altri. E il coraggio implica la solidarietà. Oggi c’è l’impensabile, la fragilità, il non sapere ed è importante resistere e creare: è necessario accettare la fragilità ed entrare in amicizia con la vita, interrogandoci su cosa fa l’uomo all’interno della storia, perché si tratta della complessità in un’epoca oscura. (8)

Il pensiero complesso è importante perché la realtà è cangiante e presenta sempre novità. Nella storia dell’umanità, l’uomo quando scopre la ragione sembra affidare la “propria facoltà conoscitiva” al solo intelletto, trascurando tutto il resto. Morin contrappone a ciò “l’uomo intero”, nel quale il processo di conoscenza “è il risultato della collaborazione e della interazione tra razionale e immaginario, tra emozione e riflessione, tra homo sapiens e homo demens”. (9) In tal modo, si realizza il soggetto conoscente, “figlio del suo divenire”, radicato nel suo processo storico e nella natura di cui è parte integrante. E’ la complessità che prevede: “il tutto è più delle parti che lo compongono, perché le parti che lo compongono, interagendo tra di loro, producono appunto qualcosa di nuovo e imprevedibile, che è, solo e soltanto, il risultato delle interazioni stesse”. (10)

La conclusione è dunque affidata al pensiero complesso e globale, dove non può esserci semplificazione: è l’unità che produce le sue emergenze, dove si perdono distinzioni e chiarezze, dove i disordini e le incertezze perturbano i fenomeni, dove il soggetto-osservatore si rispecchia nell’oggetto della sua osservazione.

E’ anche questo un modo per rapportarsi all’incertezza del coronavirus.

 

Note:

  1. E. Morin, “7 lezioni sul pensiero globale”, Cortina 2016. Sul metodo di Edgar Morin, il riferimento è alle edizioni italiane di Raffaello Cortina tra il 2001 e il 2008: “Il metodo: I. La natura della natura”, Cortina 2001 (su fisica e chimica); “Il metodo: II. La vita della vita”, Cortina 2004 (su biologia ed ecologia); “Il metodo: III. La conoscenza della conoscenza”, Cortina 2007 (sull’antropologia della conoscenza); “Il metodo: IV. Le idee: habitat, vita, organizzazione, usi e costumi”, Cortina 2008 (sull’ecologia della conoscenza); “Il metodo: V. L’identità umana”, Cortina 2002 (sull’antropo-sociologia); “Il metodo: VI. Etica”, Cortina 2005 (sull’etica).
  2. M. Benasayag, “La complessità ai tempi del coronavirus”, intervento pubblicato su youtube il 6 marzo 2020.
  3. Cito alcuni volumi di Miguel Benasayag: “L’epoca delle passioni tristi”, scritto con Gérard Schmit, Feltrinelli 2007; “Elogio del conflitto”, Feltrinelli 2008; “La salute ad ogni costo. Medicina e biopotere”, Vita e pensiero 2010; “C’è una vita prima della morte?”, scritto con Riccardo Mazzeo, Centro Studi Erickson 2015; “Oltre le passioni tristi: Dalla solitudine contemporanea alla creazione condivisa”, Feltrinelli 2016; “Funzionare o esistere?”, Vita e Pensiero 2019.
  4. Il riferimento è al volume: M. Benasayag, “Contro il niente. L’ABC dell’impegno, Feltrinelli 2005.
  5. M. Benasayag, “La salute ad ogni costo. Medicina e biopotere”, cit.
  6. Cfr.: M. Benasayag, “L’epoca delle passioni tristi”, cit.;M. Benasayag, “Contro il niente”, cit.
  7. M. Benasayag, “Contro il niente”, cit.
  8. M. Benasayag, “Funzionare o esistere?”, cit. Molti concetti sono esplicitati nell’intervento: M. Benasayag, “La complessità ai tempi del coronavirus”, cit.
  9. G. Gembillo, “Laudatio”, in E. Morin, G. Cotroneo, G. Gembillo, “Un viandante della complessità. Morin filosofo a Messina”, a cura di A. Anselmo, Armando Siciliano 2003.
  10. H. von Foerster, “Sistemi che osservano”, Astrolabio 1987. Sulla teoria dei sistemi, cfr.: L. von Bertalanffy, “Teoria generale dei sistemi”, ISEDI 1971, 1968; G. Bateson, “Verso un’ecologia della mente”, Adelphi, 1972, 1976;  G. Bateson, “Mente e natura”, Adelphi, 2008, 1979; P. Watzlawick, I.H. Beavin, D.D. Jackson, “Pragmatica della comunicazione umana”, Astrolabio 1997, 1971.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Posts

1 2 3 8
luglio 13th, 2020

Riti e cultura popolare / il grano

La passione del grano e la dimensione di verità di Pasquale Martucci   Un antico rituale, rilevato da Ernesto de […]

luglio 10th, 2020

Idee / Franco Ferrarotti

La fenomenologia del sacro di Pasquale Martucci   Le ricerche di Franco Ferrarotti, seguendo una metodologia qualitativa con il ricercatore […]

luglio 1st, 2020

Pagine di storia / Anno 1828

I moti nel Cilento: lo studio di una Rappresentazione Rituale di Pasquale Martucci   In alcuni paesi del Cilento, si ricordano […]

giugno 25th, 2020

Pagine di Storia – Pisacane

Sapri: la Rievocazione di Pisacane di Pasquale Martucci   Sapri è conosciuta, al di là della splendida collocazione geografica nel […]

giugno 20th, 2020

Pagine di storia / Torri costiere

Le torri costiere del Cilento   di Pasquale Martucci   Percorrendo la costa cilentana, si possono osservare una serie di […]

giugno 8th, 2020

Seminario ISCRA: “L’insostenibile peso della felicità e della speranza”

Possibili processi di pensiero di Pasquale Martucci   In occasione del Seminario ISCRA online (6-7 giugno 2020), dal titolo: “L’insostenibile […]

maggio 31st, 2020

Ricerca&territorio – Mitologia

U curdone ru monaco Aspetti mitologici e cultura popolare cilentana di Pasquale Martucci (il saggio è disponibile integralmente e con […]

maggio 21st, 2020

LAURINO / SANT’ELENA

Un culto antico e importante di Pasquale Martucci   “La storia di Laurino è strettamente intrecciata a quella della sua santa […]

maggio 17th, 2020

Epistemologia della complessità – EDGAR MORIN

EDGAR MORIN L’attualità del pensiero del teorico della complessità e la centralità della relazione soggetto-oggetto-ambiente per realizzare l’inizio di un […]

aprile 29th, 2020

Pagine di storia / I Basiliani

I Basiliani e le comunità cilentane di Pasquale Martucci   A questi monaci, arrivati nel territorio a nuclei sparsi o […]

aprile 25th, 2020

Martin Heidegger – letture critiche

Contro l’odio, i fascismi e i populismi, propongo la lettura del volume di Antonio Peduzzi sulle controverse idee del grande […]

aprile 16th, 2020

Sapori&saperi – la tipicità cilentana

La storia dell’alimentazione e la tipicità cilentana di Pasquale Martucci   La scoperta e la riproposizione della tradizione alimentare è […]

aprile 11th, 2020

Gli insegnamenti di un maestro: Aldo Musacchio

Cultura e formazione umana come fattori indispensabili allo sviluppo   Il sociologo dello sviluppo Aldo Musacchio, docente in diverse Università […]

aprile 9th, 2020

Coronavirus: biologia o economia?

Coronavirus: biologia o economia?   Il filosofo Umberto Galimberti propone le sue argomentazioni/concettualizzazioni sul Coronavirus. Riprendo alcune parole chiave tratte […]

marzo 29th, 2020

Le paure sociali – Ritualità e distanze sociali

Ritualità e distanze sociali   In un periodo di crisi per la pandemia da coronavirus vengono modificate le forme rituali […]

marzo 28th, 2020

XXIV Edizione Concorso di Poesia

XXIV Edizione Concorso Internazionale di Poesia “Il Saggio – Città di Eboli” dedicato a Orlando Carratù con Borse di studio […]

marzo 20th, 2020

Fenomeni criminali – La ‘ndrangheta

Il mito dell’invisibilità di Pasquale Martucci   Svuotare la ‘ndrangheta dall’interno significa fare capire che il crimine crea ricchezza per […]

marzo 10th, 2020

Le paure sociali – Complessità e coronavirus

Complessità e coronavirus La lezione di Miguel Benasayag di Pasquale Martucci   Non mi ero ancora occupato di coronavirus per […]

marzo 6th, 2020

Antichi rituali – La rinascita

Il tempo quaresimale di Pasquale Martucci   Nella cultura popolare il bisogno del sacro è essenziale, in quanto l’uomo avverte […]

febbraio 28th, 2020

La storia come un romanzo

Ancora alcune riflessioni sull’opera di Antonio Scurati: “M. Il figlio del secolo”, Bompiani 2018.   La storia come un romanzo […]

febbraio 25th, 2020

Concorsi di poesia e narrativa – “Centro Culturale Studi Storici”

 

febbraio 19th, 2020

Riti&tradizioni – Carnevale

La tradizione delle maschere   Di seguito, riporto alcuni brani tratti dai riti e alle tradizioni cilentane carnevalesche. Si tratta […]

febbraio 6th, 2020

Tendenze sociologiche – Luca Ricolfi

La società del Giovin Signore   Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue […]

gennaio 28th, 2020

Pagine di storia – I Bulgari nel Basso Cilento

I Bulgari nel Basso Cilento   L’area della valle del Mingardo è stata interessata, dopo il crollo dell’impero romano, dalla […]

gennaio 23rd, 2020

Tendenze epistemologiche – Jürgen Habermas

Dopo dieci anni di lavoro, a 90 anni compiuti, il teorico dell’agire comunicativo, dei paradigmi di mondi vitali e sistemi, […]

gennaio 16th, 2020

Riti&tradizioni – Sant’Antonio Abate

La festa del fuoco   “Il rumore serve a spaventare e allontanare le potenze maligne, il fuoco a illuminare il […]

gennaio 7th, 2020

Riti&tradizioni – La festa del maiale

Il destino del porco di Pasquale Martucci   A gennaio, quando è ormai ben grasso, l’animale è prelevato con l’inganno […]

dicembre 24th, 2019

Un anno da non dimenticare

http://ricocrea.it di Pasquale Martucci Un anno da non dimenticare e l’auspicio di un Buon 2020   Un anno fa, nel […]

dicembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – I rituali natalizi del Cilento

Antonio Di Rienzo, ricercatore di cultura storica e tradizione popolare cilentana, alla fine del 1987, su “Il Mezzogiorno Culturale” (A. […]

dicembre 15th, 2019

Pagine di storia – Salerno longobarda

Salerno longobarda di Pasquale Martucci   Nell’anno 849, millecentosettanta anni fa, Salerno divenne uno dei due principati longobardi del sud; […]

dicembre 10th, 2019

Pagine di storia – Il castello di Rocca

Il castello di Rocca   Le prime notizie su Rocca Cilento (da rocca, roccia, fortezza su un monte; XI secolo: […]

dicembre 7th, 2019

Storia&tradizioni – La festa dell’Immacolata

La festa dell’Immacolata Le regioni italiane si preparano al Natale con tradizioni sacre, festeggiamenti antichi e piatti tipici di Nisia […]

dicembre 2nd, 2019

La partecipazione e l’agorà

Un popolo di persone normali e di tutte le età, accomunati dalla lotta ai populismi, sfidano con partecipazione civile e […]

novembre 23rd, 2019

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie di Pasquale Martucci   “Siamo pieni di vie di uscita. Forse sono proprio […]

novembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – L’olio d’oliva

L’OLIO D’OLIVA: UNA COSTANTE NEI SECOLI La molitura delle olive tra significati e tradizioni del presente e del passato di […]

novembre 16th, 2019

Memorie dal territorio – Dopo la ruralità

La quietanza meridionale. I paesi dell’osso dopo la ruralità

novembre 11th, 2019

Storia&tradizioni – San Martino

“A San Martino se fano i zeppule e se prova u’ vino” Tradizioni culinarie cilentane nell’estate di San Martino   […]

novembre 10th, 2019

Muri da abbattere

Trent’anni fa veniva abbattuto il Muro di Berlino, anche se ancora oggi sono tanti i muri simbolici e fisici che […]

ottobre 31st, 2019

Natuzza Evolo / tra vita e aldilà

Dieci anni fa si spegneva Natuzza Evolo, una donna che ha rappresentato, nella cultura popolare religiosa, un forte legame tra […]

ottobre 28th, 2019

Territorio&Cultura – la poesia

Concorsi di poesia di Gaeta (LT) e di Auletta (SA)

ottobre 20th, 2019

Memorie dal territorio – Fiore!

Ricevo e pubblico due brani di Antonio Pellegrino. Nella foto c’è Gerry il pastore, chiamato anche Fiore.   Fiore! Sempi […]

ottobre 7th, 2019

Memorie dal territorio – E’ cangiata l’aria

Con questo intervento, una riflessione sul cambiamento dei tempi, inizia la collaborazione di Antonio Pellegrino (laurea in Sociologia), attuale Presidente […]

ottobre 6th, 2019

Idee & parole – Ernesto de Martino

Il mondo magico di Ernesto de Martino di Pasquale Martucci “Presenza, esserci nel mondo, esserci nella storia sono espressioni equivalenti […]

settembre 25th, 2019

Idee & parole – I saperi di Dionigi

Nella criticità della vita di oggi, occorre che l’individuo ripensi un “nuovo umanesimo” che tenga conto della storia e della […]

settembre 20th, 2019

Storia&tradizioni – Il giorno delle antiche nozze

Ricevo e pubblico l’articolo di Nisia Orsola La Greca Romano sul rito nuziale   Da sempre le nozze rappresentano un […]

settembre 15th, 2019

Idee & parole – Socrate

Nella nostra società si avverte il bisogno di tornare a valorizzare le molteplici forme del dialogo, così come indicato da […]

agosto 25th, 2019

Le storie – Jerry Essan Masslo

A trent’anni dall’omicidio di JERRY MASSLO ancora non abbiamo compreso che … “Ciascuno di noi è straniero di un altro” […]

agosto 15th, 2019

Idee & parole – Giovambattista Vico

Vatolla, Vico e la cipolla di Pasquale Martucci Vatolla è situata su una collinetta che domina il paesaggio sottostante e […]

agosto 8th, 2019

Idee & parole – Fabrizio De André

“Per quanto voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti”   L’espressione è tratta da: “Storia di un impiegato”, un […]

agosto 4th, 2019

Bibbiano, dove sta il bene dei bimbi

LETTERA APERTA DEGLI OPERATORI DELL’INFANZIA È stata scritta una lettera/appello da Mauro Mariotti e Paolo Siani. Aderisco pubblicando il documento, […]

luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La festa del Santo Patrono

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla festa del Santo Patrono nella tradizione culinaria del […]

luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La cucina dei marinai

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla tradizione culinaria dei marinai   AVE MARIS STELLA […]

luglio 30th, 2019

Vallo della Lucania – Il rito di San Pantaleo

Il rito di San Pantaleo di Pasquale Martucci   San Pantaleone è festeggiato almeno in due grossi centri del territorio […]

luglio 24th, 2019

Idee & parole – Antonio Gramsci

Il concetto di egemonia culturale e la questione meridionale di Pasquale Martucci   Cent’anni fa, il 1 maggio 1919, iniziò […]

luglio 14th, 2019

Cosmo Guazzo: una vita al servizio del territorio

Presso la Pro-Loco di San Martino Cilento, sabato 13 luglio 2019, per riflettere sui lavori di Cosmo Guazzo si è […]

giugno 26th, 2019

Epistemologia della soggettivazione

Il soggetto/attore, i diritti universali e la società ipermoderna nel pensiero di Alain Touraine di Pasquale Martucci   Assistere ad […]

giugno 9th, 2019

Un antico rituale: la festa del pane

La festa del pane di Pasquale Martucci     La panificazione è stato sempre un momento molto importante nella tradizione […]

maggio 19th, 2019

Contro l’indifferenza, per la conoscenza

Intolleranza, divieti, tentativi di limitazione delle libere espressioni di idee: una sorta di società ad una dimensione, quella prevalente. Tutto […]

maggio 17th, 2019

In memoria di Domenico Chieffallo

Per ricordare lo storico e meridionalista cilentano, produciamo alcune considerazioni e un articolo del 1995 di Domenico Chieffallo.   Note […]

maggio 5th, 2019

Grave perdita per la cultura cilentana

Riceviamo e pubblichiamo un commento / ricordo sulla scomparsa dell’amico Amedeo La Greca, da parte del prof. Emilio La Greca […]

maggio 5th, 2019

Riti e tradizione non solo culinaria del Cilento

Ho con  grande interesse letto gli scritti di NISIA ORSOLA LA GRECA ROMANO sulla tradizione culinaria del Cilento, e non […]

maggio 5th, 2019

Comunità e cultura popolare, linguaggio, cilentanità

Dopo aver realizzato molti studi sul territorio, a partire da questo intervento analizzo gli elementi che ne costituiscono i tratti […]

aprile 15th, 2019

Simboli e Rituali – Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti”

Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti” di Pasquale Martucci   I rituali rappresentano “una connessione tra passato, presente […]

marzo 11th, 2019

DINO BETTI

Un uomo che ha attraversato, vissuto e trasmesso il suo tempo di Anna Avagliano e Pasquale Martucci   Dino Betti […]

febbraio 21st, 2019

Verso un modello postindustriale. La proposta del sociologo Domenico De Masi.

I limiti delle società attuali e le possibilità del “migliore dei mondi esistiti finora”. Occorrerebbe costruire un modello ideale di […]

febbraio 13th, 2019

Ricerca Bibliografica sul Cilento

Progetto: “BENI CULTURALI CNR” Anni 1998-2000 C.P.S. Ricerche S.r.l. / Università di NAPOLI – Facoltà di Sociologia   Tra il […]

febbraio 7th, 2019

LA SCELTA DI RICOCREA

LA SCELTA DI RICOCREA Ricerca, costruzione, creazione, queste sono le parole chiave del sito che ho da qualche mese realizzato: […]

febbraio 1st, 2019

Matera Capitale Europea della Cultura 2019. La visione del sociologo Aldo Musacchio

La visione di Aldo Musacchio: i fondamenti di una cultura per lo sviluppo del territorio di Pasquale Martucci   Per […]

dicembre 25th, 2018

Festa al Castello: cultura e memoria – dicembre 2018

TEGGIANO Festa al Castello: cultura e memoria di Pasquale Martucci   La Corte in Festa – Natale al Castello, Teggiano […]

giugno 14th, 2020

Teorie / Max Weber

La ricerca del metodo di Pasquale Martucci   Il 14 giugno 1920, cento anni fa, moriva a Monaco di Baviera […]