List

I moti nel Cilento: lo studio di una Rappresentazione Rituale

di Pasquale Martucci

 

In alcuni paesi del Cilento, si ricordano i moti del 1828 attraverso rievocazioni storiche di un passato che non deve essere dimenticato. Durante questi eventi vengono rappresentati momenti di vita dell’ottocento, riproponendo le gesta di coloro che hanno cercato di opporsi all’oppressione ed al dominio di nobiltà e clero, con l’auspicio di modificare le misere condizioni di vita. Ed il riferimento è ad una terra alla fame, ad un’epoca in cui “gli umili contadini, in punta di piedi e chiusi nella taciturnità propria di chi è solo con se stesso nella lotta per la sopravvivenza, hanno scritto le pagine più vere e spontanee della storia meridionale”, come sosteneva nei suoi lavori Domenico Chieffallo. (1)

Ripercorrendo gli eventi del 1828, emerge un uomo che contribuì molto alla organizzazione dei moti rivoluzionari: Antonio Maria De Luca, nato a Celle di Bulgheria il 20 ottobre del 1764 e morto a Salerno il 28 luglio 1828. Era un presbitero appartenente alla Congregazione del Santissimo Redentore, forse allievo di Alfonso Maria de’ Liguori. Dopo la laurea in Teologia, si dedicò all’insegnamento presso il Seminario di Policastro Bussentino ed alla predicazione in molte zone del regno di Napoli. Prese parte al dibattito politico e fu deputato al Parlamento napoletano. Si batté in favore dei contadini, nelle nascenti lotte al latifondo, facendo dono delle sue proprietà. L’avventura da parlamentare fu fugace come la Costituzione e la successiva restaurazione della Monarchia. De Luca fu uno dei principali sorvegliati speciali della polizia borbonica. Era il 28 giugno del 1828 quando questa terra, considerata ideale per l’isolamento e la mancanza di vie di comunicazione, prese l’iniziativa “per reclamare dalla monarchia borbonica la concessione della Costituzione”. (2)

I carbonari di Napoli, i Filadelfi, giurarono di combattere e di partire dal Cilento. Oltre a Vallo della Lucania, infatti, nei paesi di Celle di Bulgheria, Montano Antilia, Licusati e Bosco si trovarono i più numerosi rivoltosi con a capo il canonico Antonio Maria De Luca. Altri personaggi si distinsero nell’azione ed altri paesi diedero un grande contributo in termini di uomini.

Il proclama firmato da Nicola Gammarano, Domenico Capozzoli, Antonio Galotti, Antonio De Luca e Pasquale Novelli descrive gli abusi contro il popolo e la condizione di miseria, reclama la Costituzione di Francia ed auspica la diminuzione dei prezzi e l’abolizione dei dazi. L’alba della rivolta è matura per fare giustizia ed un nuovo sole spunta, quello della speranza:

Scetamone, Ciliento, chesta è l’ora! / Sceppamo ‘o core ‘a pietto a lu tiranno / ca ‘nce scarpisa e nun se stanca ancora / re nce levà l’unore e darce affanno. / Scetamone, Ciliento, chesta è l’ora. (3)

Questo accorato grido si diffonde in tutti i paesi: i capi decidono di recarsi a Palinuro per sorprendere il nemico poco numeroso ed impadronirsi di 1500 fucili, munizioni e due cannoni. Il 28 e 29 giugno la rivolta viene accolta da scene di entusiasmo a Camerota, San Giovanni a Piro, Celle di Bulgheria, Bosco. Il 30 si passa per Montano Antilia e De Luca incita il popolo a seguire la rivolta ed incamminarsi verso Vallo della Lucania. Il 1° luglio giunge la notizia che il maresciallo Del Carretto, con pieni poteri, è stato inviato per domare la rivolta. L’esercito è consistente e disperde i rivoltosi verso Cuccaro Vetere e nelle montagne di Novi Velia. La durezza dei vincitori è violenta: arresti, torture, poi le morti. Dopo una breve latitanza, il canonico De Luca fu arrestato, scomunicato dal suo vescovo e fucilato a Salerno il 28 luglio 1828. (4)

In occasione dei moti del 1828 ci fu dunque la sollevazione, ma ad essa seguì la capitolazione. La storia racconta di madri che vedendo i figli dietro le sbarre li consolano:

Oi figli miei, arreto a sti cancedde / Com’ animali int’a nu macello,  / state cuntenti, pecch’è ddoce e bello / murì accisi pe’ la libertà!! / Sta voce ca ve chiama nun è sola,  / so ciento, mille … è tutto lu Ciliento  / ca pe’ sta sciorta cchiù nun trova abbiento,  / ma vuie nce rate forza e dignità  / E ‘mmiezzo Spio vui nun site suli: / rimane nce verit’a tutti quanti,  / c’a morte int’o core e senza chianti, / a coglie ‘o sango vuosto e non scordà! (5)

Le condanne sono per tutti, qualcuno riuscirà a scampare alla morte, ma subirà lunghi anni di dura prigione. Ciò che resta però è una profezia del canonico De Luca che in punto di morte esclamerà: Questo non è stato che un saggio, ciò che oggi è mancato un’altra volta riuscirà. (6)

A Vallo della Lucania, qualche anno fa ho studiato una rievocazione di quegli eventi. (7)

I dati sono stati rilevati, utilizzando un metodo applicato allo studio delle feste, descritte e valutate per sottolineare i motivi ispiratori ed i significati in esse contenuti, realizzato attraverso la ricerca sul campo, utilizzando l’osservazione partecipante, quella che consente l’interazione tra soggetto ed oggetto, che pone in primo piano il ruolo del ricercatore. L’attività di lavoro sul campo è stata quella di intervistare gli informatori, osservare le varie manifestazioni e descriverle. La documentazione è stata reperita su testi realizzati da studiosi locali, su opuscoli e depliants messi a disposizione da Enti ed Istituzioni preposti all’organizzazione delle manifestazioni. Anche il supporto di video ha contribuito a non far perdere la visione d’insieme dell’evento, che da un solo punto di osservazione rischiava di non far cogliere tutte le azioni compiute.

La manifestazione di Vallo della Lucania ricorda i momenti di storia attraverso tre fasi che coincidono con i tre giorni rievocativi: la mostra e la presentazione della rievocazione, il giorno 17; la sfilata in tutto il centro cittadino con oltre duecento figuranti, tutti vestiti in abiti ottocenteschi, dalle 19:00 alle 21:00 del 18; la conclusione della festa con la divulgazione di momenti di storia locale, di video celebrativi e di rappresentazioni teatrali, il 19 luglio. La manifestazione è riproposta ogni anno e permette al numeroso pubblico di conoscere ed apprezzare le antiche gesta dei cilentani, che si distinsero in difesa della loro terra e della loro libertà. Del resto, luglio è il mese in cui in città si realizzano tutti gli eventi folcloristici e culturali: agosto, infatti, è il periodo delle ferie, il momento dell’anno in cui i vallesi abbandonano la città per recarsi o sulla costa cilentana o in posti più lontani. Si inizia con la festa della Madonna delle Grazie (il giorno 2 luglio) e si prosegue con la rievocazione dei moti del 1828 e con l’importante festa religiosa di S. Pantaleo (il 27 del mese).

Il lavoro ha dunque utilizzato metodi integrati per descrivere e classificare l’evento: sulla base poi di tali dati sono stati costruiti alcuni indicatori che hanno consentito di esprimere una valutazione sulle varie manifestazioni. Gli indicatori sono stati: 1- Rilevanza dell’evento (conoscenza da parte del pubblico e pubblicità); 2- Organizzazione (impegno e funzionamento organizzativo); 3- Partecipazione attiva (coinvolgimento degli attori nella festa); 4- Partecipazione passiva (presenza senza essere coinvolti); 5- Contenuti culturali (letteratura, storia, arte presenti nella festa); 6- Rappresentazione scenica (riuscita della drammatizzazione); 7- Comportamenti rituali (espressioni e gesti degli attori sociali); 8- Funzioni rituali (legate alla manifestazione, all’evento); 9- Rilievo economico (eventuale sviluppo economico rispetto all’evento); 10- Condivisione ed adesione (giudizio positivo da parte del pubblico).

Nel caso dei “Moti del 1828”, la conclusione da trarre è che la rappresentazione dell’evento racchiude ottimi contenuti culturali, oltre che una rilevante organizzazione scenica. Si tratta di una manifestazione molto bella per la memoria storica e l’aspetto divulgativo di una “rivoluzione” non conosciuta da tutti. La partecipazione del pubblico conferisce all’evento un notevole rilievo e un interesse che spesso travalica i confini locali per proiettare la manifestazione tra le attrattive del territorio per lo sviluppo di un turismo culturale.

 

Note:

  1. Cfr.: D. Chieffallo, “Un grido dai bassifondi” (1983), “Terra, fucili e bastimenti” (1984), “Cilento: contadini, galantuomini e briganti” (1989).
  2. “Surgite a ‘stu paese bbona gente”, a cura della Pro Loco Gelbison di Vallo della Lucania, testi di L. Ametrano, A.R. Nicoletti, L. Schiavo, canzoni di G. Palladino, Ed. Poligraf, Salerno 1998.
  3. Traduzione: “Svegliamoci, o Cilento, è questa l’ora! / Togliamo il cuore dal petto del tiranno / che ci calpesta e non si stanca ancora / di toglierci l’onore e darci affanno. / Svegliamoci, o Cilento, è questa l’ora!”.
  4. R. Perna, “Cilento e libertà”, a cura di, con testi di G. Liuccio, Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, Vallo della Lucania (SA) 1998.
  5. Traduzione: O miei figli, dietro queste sbarre / come animali dentro un macello, / siate contenti, perché è dolce e bello / morire uccisi per la libertà / Questa voce che vi chiama non è sola / sono cento, mille … è tutto il Cilento / che per questa fortuna non trova più vento, / ma voi le date forza e dignità / E in mezzo a Spio voi non siete soli: / domani ci vedrete tutti quanti, / con la morte nel cuore e senza pianti, / a raccogliere il vostro sangue e a non dimenticare!
  6. “Surgite a ‘stu paese bbona gente”, cit.
  7. Ho realizzato vari lavori sulle feste nel territorio: le ho sudivise in feste religiose e feste non religiose. Rimando ai saggi: “Il sacro e il profano”, Edizioni Studi e Ricerche, 1999; “Le feste ritrovate. Uno studio sociologico sulle feste religiose nel territorio del Cilento e del Vallo di Diano”, Il Postiglione, A. XIII N. 14 – giugno 2001, pp. 211-239; “Memorie rituali. Le feste, le manifestazioni e le rappresentazioni identitarie nelle comunità del Cilento, del Vallo di Diano e degli Alburni”, Il Postiglione, Anni XXII-XXIII, numeri: ventitre-ventiquattro – giugno 2011, pp. 271-284.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Posts

1 2 3 8
luglio 24th, 2020

Idee e società – Ferdinand Tönnies

Il concetto di comunità in Tönnies di Pasquale Martucci   «La teoria della società riguarda una costruzione artificiale, un aggregato […]

luglio 13th, 2020

Riti e cultura popolare / il grano

La passione del grano e la dimensione di verità di Pasquale Martucci   Un antico rituale, rilevato da Ernesto de […]

luglio 10th, 2020

Idee / Franco Ferrarotti

La fenomenologia del sacro di Pasquale Martucci   Le ricerche di Franco Ferrarotti, seguendo una metodologia qualitativa con il ricercatore […]

luglio 1st, 2020

Pagine di storia / Anno 1828

I moti nel Cilento: lo studio di una Rappresentazione Rituale di Pasquale Martucci   In alcuni paesi del Cilento, si ricordano […]

giugno 25th, 2020

Pagine di Storia – Pisacane

Sapri: la Rievocazione di Pisacane di Pasquale Martucci   Sapri è conosciuta, al di là della splendida collocazione geografica nel […]

giugno 20th, 2020

Pagine di storia / Torri costiere

Le torri costiere del Cilento   di Pasquale Martucci   Percorrendo la costa cilentana, si possono osservare una serie di […]

giugno 8th, 2020

Seminario ISCRA: “L’insostenibile peso della felicità e della speranza”

Possibili processi di pensiero di Pasquale Martucci   In occasione del Seminario ISCRA online (6-7 giugno 2020), dal titolo: “L’insostenibile […]

maggio 31st, 2020

Ricerca&territorio – Mitologia

U curdone ru monaco Aspetti mitologici e cultura popolare cilentana di Pasquale Martucci (il saggio è disponibile integralmente e con […]

maggio 21st, 2020

LAURINO / SANT’ELENA

Un culto antico e importante di Pasquale Martucci   “La storia di Laurino è strettamente intrecciata a quella della sua santa […]

maggio 17th, 2020

Epistemologia della complessità – EDGAR MORIN

EDGAR MORIN L’attualità del pensiero del teorico della complessità e la centralità della relazione soggetto-oggetto-ambiente per realizzare l’inizio di un […]

aprile 29th, 2020

Pagine di storia / I Basiliani

I Basiliani e le comunità cilentane di Pasquale Martucci   A questi monaci, arrivati nel territorio a nuclei sparsi o […]

aprile 25th, 2020

Martin Heidegger – letture critiche

Contro l’odio, i fascismi e i populismi, propongo la lettura del volume di Antonio Peduzzi sulle controverse idee del grande […]

aprile 16th, 2020

Sapori&saperi – la tipicità cilentana

La storia dell’alimentazione e la tipicità cilentana di Pasquale Martucci   La scoperta e la riproposizione della tradizione alimentare è […]

aprile 11th, 2020

Gli insegnamenti di un maestro: Aldo Musacchio

Cultura e formazione umana come fattori indispensabili allo sviluppo   Il sociologo dello sviluppo Aldo Musacchio, docente in diverse Università […]

aprile 9th, 2020

Coronavirus: biologia o economia?

Coronavirus: biologia o economia?   Il filosofo Umberto Galimberti propone le sue argomentazioni/concettualizzazioni sul Coronavirus. Riprendo alcune parole chiave tratte […]

marzo 29th, 2020

Le paure sociali – Ritualità e distanze sociali

Ritualità e distanze sociali   In un periodo di crisi per la pandemia da coronavirus vengono modificate le forme rituali […]

marzo 28th, 2020

XXIV Edizione Concorso di Poesia

XXIV Edizione Concorso Internazionale di Poesia “Il Saggio – Città di Eboli” dedicato a Orlando Carratù con Borse di studio […]

marzo 20th, 2020

Fenomeni criminali – La ‘ndrangheta

Il mito dell’invisibilità di Pasquale Martucci   Svuotare la ‘ndrangheta dall’interno significa fare capire che il crimine crea ricchezza per […]

marzo 10th, 2020

Le paure sociali – Complessità e coronavirus

Complessità e coronavirus La lezione di Miguel Benasayag di Pasquale Martucci   Non mi ero ancora occupato di coronavirus per […]

marzo 6th, 2020

Antichi rituali – La rinascita

Il tempo quaresimale di Pasquale Martucci   Nella cultura popolare il bisogno del sacro è essenziale, in quanto l’uomo avverte […]

febbraio 28th, 2020

La storia come un romanzo

Ancora alcune riflessioni sull’opera di Antonio Scurati: “M. Il figlio del secolo”, Bompiani 2018.   La storia come un romanzo […]

febbraio 25th, 2020

Concorsi di poesia e narrativa – “Centro Culturale Studi Storici”

 

febbraio 19th, 2020

Riti&tradizioni – Carnevale

La tradizione delle maschere   Di seguito, riporto alcuni brani tratti dai riti e alle tradizioni cilentane carnevalesche. Si tratta […]

febbraio 6th, 2020

Tendenze sociologiche – Luca Ricolfi

La società del Giovin Signore   Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue […]

gennaio 28th, 2020

Pagine di storia – I Bulgari nel Basso Cilento

I Bulgari nel Basso Cilento   L’area della valle del Mingardo è stata interessata, dopo il crollo dell’impero romano, dalla […]

gennaio 23rd, 2020

Tendenze epistemologiche – Jürgen Habermas

Dopo dieci anni di lavoro, a 90 anni compiuti, il teorico dell’agire comunicativo, dei paradigmi di mondi vitali e sistemi, […]

gennaio 16th, 2020

Riti&tradizioni – Sant’Antonio Abate

La festa del fuoco   “Il rumore serve a spaventare e allontanare le potenze maligne, il fuoco a illuminare il […]

gennaio 7th, 2020

Riti&tradizioni – La festa del maiale

Il destino del porco di Pasquale Martucci   A gennaio, quando è ormai ben grasso, l’animale è prelevato con l’inganno […]

dicembre 24th, 2019

Un anno da non dimenticare

http://ricocrea.it di Pasquale Martucci Un anno da non dimenticare e l’auspicio di un Buon 2020   Un anno fa, nel […]

dicembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – I rituali natalizi del Cilento

Antonio Di Rienzo, ricercatore di cultura storica e tradizione popolare cilentana, alla fine del 1987, su “Il Mezzogiorno Culturale” (A. […]

dicembre 15th, 2019

Pagine di storia – Salerno longobarda

Salerno longobarda di Pasquale Martucci   Nell’anno 849, millecentosettanta anni fa, Salerno divenne uno dei due principati longobardi del sud; […]

dicembre 10th, 2019

Pagine di storia – Il castello di Rocca

Il castello di Rocca   Le prime notizie su Rocca Cilento (da rocca, roccia, fortezza su un monte; XI secolo: […]

dicembre 7th, 2019

Storia&tradizioni – La festa dell’Immacolata

La festa dell’Immacolata Le regioni italiane si preparano al Natale con tradizioni sacre, festeggiamenti antichi e piatti tipici di Nisia […]

dicembre 2nd, 2019

La partecipazione e l’agorà

Un popolo di persone normali e di tutte le età, accomunati dalla lotta ai populismi, sfidano con partecipazione civile e […]

novembre 23rd, 2019

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie di Pasquale Martucci   “Siamo pieni di vie di uscita. Forse sono proprio […]

novembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – L’olio d’oliva

L’OLIO D’OLIVA: UNA COSTANTE NEI SECOLI La molitura delle olive tra significati e tradizioni del presente e del passato di […]

novembre 16th, 2019

Memorie dal territorio – Dopo la ruralità

La quietanza meridionale. I paesi dell’osso dopo la ruralità

novembre 11th, 2019

Storia&tradizioni – San Martino

“A San Martino se fano i zeppule e se prova u’ vino” Tradizioni culinarie cilentane nell’estate di San Martino   […]

novembre 10th, 2019

Muri da abbattere

Trent’anni fa veniva abbattuto il Muro di Berlino, anche se ancora oggi sono tanti i muri simbolici e fisici che […]

ottobre 31st, 2019

Natuzza Evolo / tra vita e aldilà

Dieci anni fa si spegneva Natuzza Evolo, una donna che ha rappresentato, nella cultura popolare religiosa, un forte legame tra […]

ottobre 28th, 2019

Territorio&Cultura – la poesia

Concorsi di poesia di Gaeta (LT) e di Auletta (SA)

ottobre 20th, 2019

Memorie dal territorio – Fiore!

Ricevo e pubblico due brani di Antonio Pellegrino. Nella foto c’è Gerry il pastore, chiamato anche Fiore.   Fiore! Sempi […]

ottobre 7th, 2019

Memorie dal territorio – E’ cangiata l’aria

Con questo intervento, una riflessione sul cambiamento dei tempi, inizia la collaborazione di Antonio Pellegrino (laurea in Sociologia), attuale Presidente […]

ottobre 6th, 2019

Idee & parole – Ernesto de Martino

Il mondo magico di Ernesto de Martino di Pasquale Martucci “Presenza, esserci nel mondo, esserci nella storia sono espressioni equivalenti […]

settembre 25th, 2019

Idee & parole – I saperi di Dionigi

Nella criticità della vita di oggi, occorre che l’individuo ripensi un “nuovo umanesimo” che tenga conto della storia e della […]

settembre 20th, 2019

Storia&tradizioni – Il giorno delle antiche nozze

Ricevo e pubblico l’articolo di Nisia Orsola La Greca Romano sul rito nuziale   Da sempre le nozze rappresentano un […]

settembre 15th, 2019

Idee & parole – Socrate

Nella nostra società si avverte il bisogno di tornare a valorizzare le molteplici forme del dialogo, così come indicato da […]

agosto 25th, 2019

Le storie – Jerry Essan Masslo

A trent’anni dall’omicidio di JERRY MASSLO ancora non abbiamo compreso che … “Ciascuno di noi è straniero di un altro” […]

agosto 15th, 2019

Idee & parole – Giovambattista Vico

Vatolla, Vico e la cipolla di Pasquale Martucci Vatolla è situata su una collinetta che domina il paesaggio sottostante e […]

agosto 8th, 2019

Idee & parole – Fabrizio De André

“Per quanto voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti”   L’espressione è tratta da: “Storia di un impiegato”, un […]

agosto 4th, 2019

Bibbiano, dove sta il bene dei bimbi

LETTERA APERTA DEGLI OPERATORI DELL’INFANZIA È stata scritta una lettera/appello da Mauro Mariotti e Paolo Siani. Aderisco pubblicando il documento, […]

luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La festa del Santo Patrono

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla festa del Santo Patrono nella tradizione culinaria del […]

luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La cucina dei marinai

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla tradizione culinaria dei marinai   AVE MARIS STELLA […]

luglio 30th, 2019

Vallo della Lucania – Il rito di San Pantaleo

Il rito di San Pantaleo di Pasquale Martucci   San Pantaleone è festeggiato almeno in due grossi centri del territorio […]

luglio 24th, 2019

Idee & parole – Antonio Gramsci

Il concetto di egemonia culturale e la questione meridionale di Pasquale Martucci   Cent’anni fa, il 1 maggio 1919, iniziò […]

luglio 14th, 2019

Cosmo Guazzo: una vita al servizio del territorio

Presso la Pro-Loco di San Martino Cilento, sabato 13 luglio 2019, per riflettere sui lavori di Cosmo Guazzo si è […]

giugno 26th, 2019

Epistemologia della soggettivazione

Il soggetto/attore, i diritti universali e la società ipermoderna nel pensiero di Alain Touraine di Pasquale Martucci   Assistere ad […]

giugno 9th, 2019

Un antico rituale: la festa del pane

La festa del pane di Pasquale Martucci     La panificazione è stato sempre un momento molto importante nella tradizione […]

maggio 19th, 2019

Contro l’indifferenza, per la conoscenza

Intolleranza, divieti, tentativi di limitazione delle libere espressioni di idee: una sorta di società ad una dimensione, quella prevalente. Tutto […]

maggio 17th, 2019

In memoria di Domenico Chieffallo

Per ricordare lo storico e meridionalista cilentano, produciamo alcune considerazioni e un articolo del 1995 di Domenico Chieffallo.   Note […]

maggio 5th, 2019

Grave perdita per la cultura cilentana

Riceviamo e pubblichiamo un commento / ricordo sulla scomparsa dell’amico Amedeo La Greca, da parte del prof. Emilio La Greca […]

maggio 5th, 2019

Riti e tradizione non solo culinaria del Cilento

Ho con  grande interesse letto gli scritti di NISIA ORSOLA LA GRECA ROMANO sulla tradizione culinaria del Cilento, e non […]

maggio 5th, 2019

Comunità e cultura popolare, linguaggio, cilentanità

Dopo aver realizzato molti studi sul territorio, a partire da questo intervento analizzo gli elementi che ne costituiscono i tratti […]

aprile 15th, 2019

Simboli e Rituali – Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti”

Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti” di Pasquale Martucci   I rituali rappresentano “una connessione tra passato, presente […]

marzo 11th, 2019

DINO BETTI

Un uomo che ha attraversato, vissuto e trasmesso il suo tempo di Anna Avagliano e Pasquale Martucci   Dino Betti […]

febbraio 21st, 2019

Verso un modello postindustriale. La proposta del sociologo Domenico De Masi.

I limiti delle società attuali e le possibilità del “migliore dei mondi esistiti finora”. Occorrerebbe costruire un modello ideale di […]

febbraio 13th, 2019

Ricerca Bibliografica sul Cilento

Progetto: “BENI CULTURALI CNR” Anni 1998-2000 C.P.S. Ricerche S.r.l. / Università di NAPOLI – Facoltà di Sociologia   Tra il […]

febbraio 7th, 2019

LA SCELTA DI RICOCREA

LA SCELTA DI RICOCREA Ricerca, costruzione, creazione, queste sono le parole chiave del sito che ho da qualche mese realizzato: […]

febbraio 1st, 2019

Matera Capitale Europea della Cultura 2019. La visione del sociologo Aldo Musacchio

La visione di Aldo Musacchio: i fondamenti di una cultura per lo sviluppo del territorio di Pasquale Martucci   Per […]

dicembre 25th, 2018

Festa al Castello: cultura e memoria – dicembre 2018

TEGGIANO Festa al Castello: cultura e memoria di Pasquale Martucci   La Corte in Festa – Natale al Castello, Teggiano […]

agosto 1st, 2020

Tradizione e culto – Sant’Onofrio

Sant’Onofrio tra religione e credenze popolari di Pasquale Martucci   Nel centro di Petina, luogo dalla profonda religiosità popolare, il […]

luglio 29th, 2020

Culti antichi – Santa Barbara

Una Santa tra leggenda e tradizione di Pasquale Martucci   Un incrocio a Sant’Antuono di Torchiara sembra accompagnare chi si […]

luglio 27th, 2020

Riti e tradizioni – San Lucido di Aquara

San Lucido di Aquara di Pasquale Martucci   La festa di San Lucido si svolge il 27 e 28 luglio. […]

luglio 17th, 2020

Riti religiosi / Santa Sinforosa

Santa Sinforosa a Roccadaspide di Pasquale Martucci   Il 18 luglio si festeggia a Roccadaspide Santa Sinforosa e San Getulio, […]