List

La passione del grano e la dimensione di verità

di Pasquale Martucci

 

Un antico rituale, rilevato da Ernesto de Martino negli anni cinquanta in Lucania, è stato centrale rispetto ad una impresa giovanile, la coltivazione del grano secondo metodi legati alla fertilizzazione biologica dei terreni e all’affermazione di varietà e tipologie antiche e legate alla tradizione millenaria di questo antico prodotto.

Tutto questo è avvenuto in un campo nel comune di Rofrano, l’11 luglio 2020, con l’impegno organizzativo da parte di: Francesco Carbone, Raffaele Lia, Vincenzo Giacomo Detta, Fabiana Gerardo, Vincenzo Pecoraro, Giuseppe Guzzo, Alessandro Villano, Antonio Carro, Giovanni Carro; CURVE  InSide Cilento (https://www.insidecilento.it/). L’iniziativa ha avuto quale titolo: “La passione del grano – Rievocazione storica e recupero dei grani antichi – Mietitrebbiatura”.

Tra le altre persone convenute mi preme citare: Antonio Pellegrino, Graziano Ferraro, oltre che naturalmente Angelo Pecoraro e Carlo Palumbo, che del lavoro e della tradizione hanno fatto la loro scelta di vita. Poi lo scenario si è arricchito di cilentani di vari paesi, accorsi per la riproposizione del loro passato, curiosi di vedere all’opera persone che amano il territorio e la loro antica storia, e considerano la  terra come bene comune ed elemento di produzione oltre che di riproduzione, una nuova considerazione del “lavoro della terra” su scala locale. Ci sarà poi la trebbiatura vera e propria, ci sarà poi il momento di convivialità.

Carbone e Pellegrino hanno pensato alla rappresentazione antica della “Passione del grano”, che si ispira al mondo del lavoro contadino, legato ai riti e alla cultura popolare radicati nel territorio lucano. Il rituale propone una rappresentazione simbolica, legata alla “crisi della presenza”, concetto chiave nei lavori di Ernesto de Martino che individuò anche nel nostro mondo civilizzato la crisi, il bisogno di superarla e ristabilire l’ordine comunitario. Il rito aiuterebbe l’uomo a sopportare la crisi che si avverte di fronte alla natura. E questo avviene simbolicamente nell’ambivalenza insita nella “mietitura”, in cui i contadini da un lato vedono pronto il loro raccolto che permetterà di andare avanti e continuare a vivere, mentre dall’altro sono consci del sacrificio che comporta estrarre dalla natura i suoi frutti e ridurla in una sorta di arido deserto, dopo la mietitura.

Lino del Fra ha girato nel 1959 il documentario in Lucania al tempo della mietitura, su consulenza proprio di Ernesto de Martino: si svolgeva un antico rituale contadino, nel quale si metteva in scena una sorta la rappresentazione con elementi simbolici: 1) uccisione/sacrificio del capro del grano; 2) la donna come elemento di fecondità; 3) la spoliazione del padrone dei propri beni.

La prima parte prevede la caccia tra le spighe del capro, che è inseguito e poi ucciso. Si tratta di un animale mitologico responsabile della morte delle messi, l’assassino del grano che nel periodo invernale è causa del “vuoto della natura”. Poi, come accade secondo il ciclo naturale della terra, giunge la donna, la sposa, simbolo di fecondità e di risveglio primaverile, che viene spogliata al fine di spargere e donare le sue vesti ai campi, un passaggio altamente simbolico del rituale che auspica un ritorno alla fertilità per il prossimo raccolto. A corredo, ci sono le ancelle che portano vino ai raccoglitori. Infine, c’è una sorta di aggressione al padrone, una specie di ribaltamento dei ruoli come accade nel Carnevale. Lì i contadini si avventano e sono ben consci di poter almeno per qualche istante praticare la spoliazione di colui che in qualche maniera li vessa e causa i loro stenti, togliendogli il dominio, gli averi, la proprietà.

Francesco Carbone ha contestualizzato l’evento con gli altri ragazzi che si sono animati curando questo campo. E come accade, il terrore del “vuoto vegetale” ha pervaso la loro cura del terreno nei mesi precedenti, seminando antichi grani (carusella, sarachella, miscuglio) ed attendendo impazienti il raccolto. Si prende il passato e lo si rielabora con i mezzi di oggi. Si utilizza un concime biologico, filtrato e fermentato per evitare le erbacce ed avere un campo libero dalle erbacce.

Angelo Pecoraro ha rilevato le antiche abitudini dell’aiuto reciproco, dello scambio delle giornate, quando si falciava il raccolto, prima dell’avvento delle mietitrebbie, prima dell’abbandono dei terreni che in questa zona erano particolarmente importanti per il sostentamento delle famiglie. Una sua felice espressione è quella del “mare di grano d’oro”, che si muoveva spinto dal vento ed offriva uno spettacolo inimmaginabile in giugno, poco prima del raccolto. Nella zona c’erano dodici pariglie di buoi, utilizzate al momento della semina: lavoro ce n’era un tempo, anche se l’unico problema erano le avversità atmosferiche, soprattutto la grandine che non sempre permetteva di giungere al raccolto. C’erano nella zona di Rofrano tanti piccoli appezzamenti e si utilizzava la regola del 9/10: su dieci tommene di terreno solo una toccava ai proprietari, al comune. Il resto era dei contadini che pagavano in genere l’affitto del terreno.

Carlo Palumbo è attento ai giovani: con le conoscenze del passato e con il lavoro possono andare avanti: “Loro hanno idee, ma devono avere l’umiltà di confrontarsi con noi, che abbiamo vissuto in questi luoghi, li abbiamo amati e rispettati”. Il giovane di queste parti prende il sapere per sfruttarlo, ce l’ha nel DNA. Molti sono entrati nell’ottica della terra, con i formaggi, la pastorizia, ed ora il grano. Ma per fare questo devi lavorare tutti i giorni la terra, ed “avere un approccio con quello che coltivi come se fossero i tuoi figli”.

Antonio Pellegrino è l’animatore del progetto: “Montefrumentario. Il Mulino a Pietra della Cooperativa Sociale Terra di Resilienza (www.montefrumentario.it): “investire nelle nostre terre, territori rurali e ai margini dello sviluppo economico”, per una crescita attraverso una rivoluzione culturale e delle colture. Lo scopo è di studiare le specie antiche per trovare quelle che presentano una qualità migliore e più produttiva: gestisce un  mulino dal 2004 affidando i grani antichi ai contadini; poi nel 2008, si decide di passare ad una vera impresa/filiera che coinvolge oggi 80 ettari di terreno, con 14 “cumpari”, tra le province di Salerno, Avellino, Cosenza e Potenza. Il Mulino ritira l’80% del raccolto; l’altro 20% deve essere utilizzato dai “cumpari” per uso personale, cioè per il nutrimento della famiglia. Una Biblioteca del grano serve a studiare, con il concerto delle università, le varietà di grani e la selezione dei semi per un migliore raccolto. L’idea è di riscoprire l’identità alimentare, in quanto il cibo è importante per la nostra cultura, per abbandonare la tendenza alla massificazione degli alimenti che seguono solo la regola della massimizzazione di produzione e profitti.

L’interessante proposizione dell’antico rituale ha fatto da supporto ad una iniziativa molto ben pensata ed eseguita con il concorso di tutti i coinvolti, a partire dai personaggi della rappresentazione e ai vecchi saggi di questa terra, che vedono quei giovani impegnati soprattutto a riscoprire tradizioni e prodotti tipici che con le nuove forme di fruizione possono utilizzare le ricchezze della terra in una “dimensione di verità”, partire da ciò che abbiamo, secondo la felice intuizione di Antonio Pellegrino. E la dimensione di verità parte dalle cose del luogo per utilizzarle e provare forse a vivere un destino diverso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Posts

1 2 3 8
luglio 13th, 2020

Riti e cultura popolare / il grano

La passione del grano e la dimensione di verità di Pasquale Martucci   Un antico rituale, rilevato da Ernesto de […]

luglio 10th, 2020

Idee / Franco Ferrarotti

La fenomenologia del sacro di Pasquale Martucci   Le ricerche di Franco Ferrarotti, seguendo una metodologia qualitativa con il ricercatore […]

luglio 1st, 2020

Pagine di storia / Anno 1828

I moti nel Cilento: lo studio di una Rappresentazione Rituale di Pasquale Martucci   In alcuni paesi del Cilento, si ricordano […]

giugno 25th, 2020

Pagine di Storia – Pisacane

Sapri: la Rievocazione di Pisacane di Pasquale Martucci   Sapri è conosciuta, al di là della splendida collocazione geografica nel […]

giugno 20th, 2020

Pagine di storia / Torri costiere

Le torri costiere del Cilento   di Pasquale Martucci   Percorrendo la costa cilentana, si possono osservare una serie di […]

giugno 8th, 2020

Seminario ISCRA: “L’insostenibile peso della felicità e della speranza”

Possibili processi di pensiero di Pasquale Martucci   In occasione del Seminario ISCRA online (6-7 giugno 2020), dal titolo: “L’insostenibile […]

maggio 31st, 2020

Ricerca&territorio – Mitologia

U curdone ru monaco Aspetti mitologici e cultura popolare cilentana di Pasquale Martucci (il saggio è disponibile integralmente e con […]

maggio 21st, 2020

LAURINO / SANT’ELENA

Un culto antico e importante di Pasquale Martucci   “La storia di Laurino è strettamente intrecciata a quella della sua santa […]

maggio 17th, 2020

Epistemologia della complessità – EDGAR MORIN

EDGAR MORIN L’attualità del pensiero del teorico della complessità e la centralità della relazione soggetto-oggetto-ambiente per realizzare l’inizio di un […]

aprile 29th, 2020

Pagine di storia / I Basiliani

I Basiliani e le comunità cilentane di Pasquale Martucci   A questi monaci, arrivati nel territorio a nuclei sparsi o […]

aprile 25th, 2020

Martin Heidegger – letture critiche

Contro l’odio, i fascismi e i populismi, propongo la lettura del volume di Antonio Peduzzi sulle controverse idee del grande […]

aprile 16th, 2020

Sapori&saperi – la tipicità cilentana

La storia dell’alimentazione e la tipicità cilentana di Pasquale Martucci   La scoperta e la riproposizione della tradizione alimentare è […]

aprile 11th, 2020

Gli insegnamenti di un maestro: Aldo Musacchio

Cultura e formazione umana come fattori indispensabili allo sviluppo   Il sociologo dello sviluppo Aldo Musacchio, docente in diverse Università […]

aprile 9th, 2020

Coronavirus: biologia o economia?

Coronavirus: biologia o economia?   Il filosofo Umberto Galimberti propone le sue argomentazioni/concettualizzazioni sul Coronavirus. Riprendo alcune parole chiave tratte […]

marzo 29th, 2020

Le paure sociali – Ritualità e distanze sociali

Ritualità e distanze sociali   In un periodo di crisi per la pandemia da coronavirus vengono modificate le forme rituali […]

marzo 28th, 2020

XXIV Edizione Concorso di Poesia

XXIV Edizione Concorso Internazionale di Poesia “Il Saggio – Città di Eboli” dedicato a Orlando Carratù con Borse di studio […]

marzo 20th, 2020

Fenomeni criminali – La ‘ndrangheta

Il mito dell’invisibilità di Pasquale Martucci   Svuotare la ‘ndrangheta dall’interno significa fare capire che il crimine crea ricchezza per […]

marzo 10th, 2020

Le paure sociali – Complessità e coronavirus

Complessità e coronavirus La lezione di Miguel Benasayag di Pasquale Martucci   Non mi ero ancora occupato di coronavirus per […]

marzo 6th, 2020

Antichi rituali – La rinascita

Il tempo quaresimale di Pasquale Martucci   Nella cultura popolare il bisogno del sacro è essenziale, in quanto l’uomo avverte […]

febbraio 28th, 2020

La storia come un romanzo

Ancora alcune riflessioni sull’opera di Antonio Scurati: “M. Il figlio del secolo”, Bompiani 2018.   La storia come un romanzo […]

febbraio 25th, 2020

Concorsi di poesia e narrativa – “Centro Culturale Studi Storici”

 

febbraio 19th, 2020

Riti&tradizioni – Carnevale

La tradizione delle maschere   Di seguito, riporto alcuni brani tratti dai riti e alle tradizioni cilentane carnevalesche. Si tratta […]

febbraio 6th, 2020

Tendenze sociologiche – Luca Ricolfi

La società del Giovin Signore   Giovin Signore, o a te scenda per lungo Di magnanimi lombi ordine il sangue […]

gennaio 28th, 2020

Pagine di storia – I Bulgari nel Basso Cilento

I Bulgari nel Basso Cilento   L’area della valle del Mingardo è stata interessata, dopo il crollo dell’impero romano, dalla […]

gennaio 23rd, 2020

Tendenze epistemologiche – Jürgen Habermas

Dopo dieci anni di lavoro, a 90 anni compiuti, il teorico dell’agire comunicativo, dei paradigmi di mondi vitali e sistemi, […]

gennaio 16th, 2020

Riti&tradizioni – Sant’Antonio Abate

La festa del fuoco   “Il rumore serve a spaventare e allontanare le potenze maligne, il fuoco a illuminare il […]

gennaio 7th, 2020

Riti&tradizioni – La festa del maiale

Il destino del porco di Pasquale Martucci   A gennaio, quando è ormai ben grasso, l’animale è prelevato con l’inganno […]

dicembre 24th, 2019

Un anno da non dimenticare

http://ricocrea.it di Pasquale Martucci Un anno da non dimenticare e l’auspicio di un Buon 2020   Un anno fa, nel […]

dicembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – I rituali natalizi del Cilento

Antonio Di Rienzo, ricercatore di cultura storica e tradizione popolare cilentana, alla fine del 1987, su “Il Mezzogiorno Culturale” (A. […]

dicembre 15th, 2019

Pagine di storia – Salerno longobarda

Salerno longobarda di Pasquale Martucci   Nell’anno 849, millecentosettanta anni fa, Salerno divenne uno dei due principati longobardi del sud; […]

dicembre 10th, 2019

Pagine di storia – Il castello di Rocca

Il castello di Rocca   Le prime notizie su Rocca Cilento (da rocca, roccia, fortezza su un monte; XI secolo: […]

dicembre 7th, 2019

Storia&tradizioni – La festa dell’Immacolata

La festa dell’Immacolata Le regioni italiane si preparano al Natale con tradizioni sacre, festeggiamenti antichi e piatti tipici di Nisia […]

dicembre 2nd, 2019

La partecipazione e l’agorà

Un popolo di persone normali e di tutte le età, accomunati dalla lotta ai populismi, sfidano con partecipazione civile e […]

novembre 23rd, 2019

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie

Le vie di fuga dalle chiusure identitarie di Pasquale Martucci   “Siamo pieni di vie di uscita. Forse sono proprio […]

novembre 18th, 2019

Storia&tradizioni – L’olio d’oliva

L’OLIO D’OLIVA: UNA COSTANTE NEI SECOLI La molitura delle olive tra significati e tradizioni del presente e del passato di […]

novembre 16th, 2019

Memorie dal territorio – Dopo la ruralità

La quietanza meridionale. I paesi dell’osso dopo la ruralità

novembre 11th, 2019

Storia&tradizioni – San Martino

“A San Martino se fano i zeppule e se prova u’ vino” Tradizioni culinarie cilentane nell’estate di San Martino   […]

novembre 10th, 2019

Muri da abbattere

Trent’anni fa veniva abbattuto il Muro di Berlino, anche se ancora oggi sono tanti i muri simbolici e fisici che […]

ottobre 31st, 2019

Natuzza Evolo / tra vita e aldilà

Dieci anni fa si spegneva Natuzza Evolo, una donna che ha rappresentato, nella cultura popolare religiosa, un forte legame tra […]

ottobre 28th, 2019

Territorio&Cultura – la poesia

Concorsi di poesia di Gaeta (LT) e di Auletta (SA)

ottobre 20th, 2019

Memorie dal territorio – Fiore!

Ricevo e pubblico due brani di Antonio Pellegrino. Nella foto c’è Gerry il pastore, chiamato anche Fiore.   Fiore! Sempi […]

ottobre 7th, 2019

Memorie dal territorio – E’ cangiata l’aria

Con questo intervento, una riflessione sul cambiamento dei tempi, inizia la collaborazione di Antonio Pellegrino (laurea in Sociologia), attuale Presidente […]

ottobre 6th, 2019

Idee & parole – Ernesto de Martino

Il mondo magico di Ernesto de Martino di Pasquale Martucci “Presenza, esserci nel mondo, esserci nella storia sono espressioni equivalenti […]

settembre 25th, 2019

Idee & parole – I saperi di Dionigi

Nella criticità della vita di oggi, occorre che l’individuo ripensi un “nuovo umanesimo” che tenga conto della storia e della […]

settembre 20th, 2019

Storia&tradizioni – Il giorno delle antiche nozze

Ricevo e pubblico l’articolo di Nisia Orsola La Greca Romano sul rito nuziale   Da sempre le nozze rappresentano un […]

settembre 15th, 2019

Idee & parole – Socrate

Nella nostra società si avverte il bisogno di tornare a valorizzare le molteplici forme del dialogo, così come indicato da […]

agosto 25th, 2019

Le storie – Jerry Essan Masslo

A trent’anni dall’omicidio di JERRY MASSLO ancora non abbiamo compreso che … “Ciascuno di noi è straniero di un altro” […]

agosto 15th, 2019

Idee & parole – Giovambattista Vico

Vatolla, Vico e la cipolla di Pasquale Martucci Vatolla è situata su una collinetta che domina il paesaggio sottostante e […]

agosto 8th, 2019

Idee & parole – Fabrizio De André

“Per quanto voi vi credete assolti, siete lo stesso coinvolti”   L’espressione è tratta da: “Storia di un impiegato”, un […]

agosto 4th, 2019

Bibbiano, dove sta il bene dei bimbi

LETTERA APERTA DEGLI OPERATORI DELL’INFANZIA È stata scritta una lettera/appello da Mauro Mariotti e Paolo Siani. Aderisco pubblicando il documento, […]

luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La festa del Santo Patrono

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla festa del Santo Patrono nella tradizione culinaria del […]

luglio 31st, 2019

Storia e tradizione culinaria – La cucina dei marinai

Ricevo e pubblico il lavoro di Nisia Orsola La Greca Romano, sulla tradizione culinaria dei marinai   AVE MARIS STELLA […]

luglio 30th, 2019

Vallo della Lucania – Il rito di San Pantaleo

Il rito di San Pantaleo di Pasquale Martucci   San Pantaleone è festeggiato almeno in due grossi centri del territorio […]

luglio 24th, 2019

Idee & parole – Antonio Gramsci

Il concetto di egemonia culturale e la questione meridionale di Pasquale Martucci   Cent’anni fa, il 1 maggio 1919, iniziò […]

luglio 14th, 2019

Cosmo Guazzo: una vita al servizio del territorio

Presso la Pro-Loco di San Martino Cilento, sabato 13 luglio 2019, per riflettere sui lavori di Cosmo Guazzo si è […]

giugno 26th, 2019

Epistemologia della soggettivazione

Il soggetto/attore, i diritti universali e la società ipermoderna nel pensiero di Alain Touraine di Pasquale Martucci   Assistere ad […]

giugno 9th, 2019

Un antico rituale: la festa del pane

La festa del pane di Pasquale Martucci     La panificazione è stato sempre un momento molto importante nella tradizione […]

maggio 19th, 2019

Contro l’indifferenza, per la conoscenza

Intolleranza, divieti, tentativi di limitazione delle libere espressioni di idee: una sorta di società ad una dimensione, quella prevalente. Tutto […]

maggio 17th, 2019

In memoria di Domenico Chieffallo

Per ricordare lo storico e meridionalista cilentano, produciamo alcune considerazioni e un articolo del 1995 di Domenico Chieffallo.   Note […]

maggio 5th, 2019

Grave perdita per la cultura cilentana

Riceviamo e pubblichiamo un commento / ricordo sulla scomparsa dell’amico Amedeo La Greca, da parte del prof. Emilio La Greca […]

maggio 5th, 2019

Riti e tradizione non solo culinaria del Cilento

Ho con  grande interesse letto gli scritti di NISIA ORSOLA LA GRECA ROMANO sulla tradizione culinaria del Cilento, e non […]

maggio 5th, 2019

Comunità e cultura popolare, linguaggio, cilentanità

Dopo aver realizzato molti studi sul territorio, a partire da questo intervento analizzo gli elementi che ne costituiscono i tratti […]

aprile 15th, 2019

Simboli e Rituali – Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti”

Il Cilento Antico e “Il canto dei cumpràti” di Pasquale Martucci   I rituali rappresentano “una connessione tra passato, presente […]

marzo 11th, 2019

DINO BETTI

Un uomo che ha attraversato, vissuto e trasmesso il suo tempo di Anna Avagliano e Pasquale Martucci   Dino Betti […]

febbraio 21st, 2019

Verso un modello postindustriale. La proposta del sociologo Domenico De Masi.

I limiti delle società attuali e le possibilità del “migliore dei mondi esistiti finora”. Occorrerebbe costruire un modello ideale di […]

febbraio 13th, 2019

Ricerca Bibliografica sul Cilento

Progetto: “BENI CULTURALI CNR” Anni 1998-2000 C.P.S. Ricerche S.r.l. / Università di NAPOLI – Facoltà di Sociologia   Tra il […]

febbraio 7th, 2019

LA SCELTA DI RICOCREA

LA SCELTA DI RICOCREA Ricerca, costruzione, creazione, queste sono le parole chiave del sito che ho da qualche mese realizzato: […]

febbraio 1st, 2019

Matera Capitale Europea della Cultura 2019. La visione del sociologo Aldo Musacchio

La visione di Aldo Musacchio: i fondamenti di una cultura per lo sviluppo del territorio di Pasquale Martucci   Per […]

dicembre 25th, 2018

Festa al Castello: cultura e memoria – dicembre 2018

TEGGIANO Festa al Castello: cultura e memoria di Pasquale Martucci   La Corte in Festa – Natale al Castello, Teggiano […]

giugno 14th, 2020

Teorie / Max Weber

La ricerca del metodo di Pasquale Martucci   Il 14 giugno 1920, cento anni fa, moriva a Monaco di Baviera […]